CLV

  • Fortuna Loffredo: Indagine per omicidio volontario anche per il piccolo Antonio

    Napoli, 7/5/2016 – Passa da colposo a volontario l’ipotesi di omicidio per l’indagine sulla morte di Antonio Giglio, precipitato un anno prima di Fortuna Loffredo dallo stesso palazzo del Parco Verde di Caivano. Unica indagata finora è la madre del bimbo, Marianna Fabozzi. A “Chi l’ha visto?” aveva lanciato pesanti accuse contro di lei la sorella del convivente, Raimondo Caputo, accusato di avere ucciso Chicca Fortuna e di averla sottoposta a violenze sessuali.


    [Video - Le accuse alla madre di Antonio Giglio nella puntata del 2 dicembre 2015]


    [Vai alla pagina di Fortuna Loffredo]


  • Ritrovato dai carabinieri il sedicenne scomparso tre giorni fa da Roma

    Roma. 6/5/2016 – Molte segnalazioni erano giunte in diretta durante l’ultima puntata dopo all’appello per il 16enne rumeno scomparso il 3 maggio dalla Capitale. Oggi è stato rintracciato in un centro della provincia dai carabinieri, che hanno avvisato la madre. Era in compagnia dell’amico che si era allontanato insieme a lui.

  • I familiari di Stefano Masala: “Si sono dimenticati di lui, lo Stato ci ha abbandonato”

    Nule (Nuoro), 8/5/2016 – Compie un anno il doppio mistero della scomparsa di Stefano Masala, sparito con l'auto del padre, e dell'omicidio di Gianluca Monni, freddato il mattino seguente da assassini che per gli inquirenti fuggiti a bordo della stessa vettura, poi trovata bruciata. Finora ci sono sei persone indagate. Per Masala l'ipotesi è che sia stato ucciso e il suo corpo fatto sparire. I familiari reclamano la ripresa delle sue ricerche. Per questo hanno diffuso un video con le sue immagini più belle, alternate da brevi frasi che esprimono il loro disagio: “Si sono dimenticati di Stefano”, “lo Stato ci ha abbandonato”, “Chiediamo giustizia e verità”. Il video è rivolto anche a chi può avere informazioni utili all'inchiesta: “Chi sa parli” è l'appello affidato anche a “Chi l'ha visto?” da Marco Masala, il padre di Stefano.

    [Video – L'appello dei familiari di Stefano Masala a un anno dalla sua sparizione]


  • Orlandi - Gregori: La Cassazione conferma l'archiviazione dell'inchiesta

    Roma 6/5/2016 - La sesta sezione penale della Corte di Cassazione ha giudicato inammissibile il ricorso della madre di Emanuela Orlandi contro l'archiviazione dell'indagine della procura di Roma. Nell'ottobre scorso il gip aveva respinto l'opposizione, avanzata anche dai familiari di Mirella Gregori, alla richiesta di archiviazione del procuratore di Roma Giuseppe Pignatone e dei pm Simona Maisto ed Ilaria Calò. La decisone riguarda i sei indagati per concorso in omicidio e sequestro di persona: monsignor Pietro Vergari, Sergio Virtù, Angelo Cassani, Gianfranco Cerboni, Sabrina Minardi e Marco Accetti. Contro di loro la procura e il gip prima e la Cassazione ora hanno ritenuto che non fossero stati raccolti sufficienti elementi probatori. Restano pendenti le accuse di calunnia e autocalunnia per Accetti, che nelle scorse settimane è stato sottoposto a perizia psichiatrica che l'ha giudicato capace di intendere e volere ed anche di stare in giudizio. "Fortunatamente ho la solidarietà delle persone e quella è la vera forza che ci spinge ad andare avanti - ha dichiarato Pietro Orlandi-. Ringrazio sempre tutti perché questa solidarietà è encomiabile, forse perché Emanuela è diventata un simbolo delle persone scomparse e io continuo a portare avanti questa battaglia anche per portare attenzione a tutte quelle persone che non hanno mai avuto voce".

    [Vai alla pagina di Emanuela Orlandi]

    [Vai alla pagina di Mirella Gregori]

  • Gli spettatori ritrovano “da soli” una donna giapponese scomparsa

    Roma, 5/5/2016 - Il programma non si era ancora occupato della scomparsa da Milano di una donna giapponese che già le segnalazioni del pubblico hanno cominciato ad arrivare. Prima ancora che l’appello fosse lanciato, alcuni spettatori hanno contattato la redazione avvisando che una donna asiatica in difficoltà era stata ricoverata in un ospedale del Lazio. Una spettatrice, in particolare, ha poi chiamato per raccontare che per la signora in difficoltà, notata su un treno della tratta Roma – Milano, erano stati avvisati 118 e carabinieri che si sono presi cura di lei. Il Consolato del Giappone, che ha confermato il ritrovamento, ringrazia attraverso “Chi l’ha visto?” i cittadini italiani che hanno soccorso la donna.

  • Ritrovato grazie all’appello il ragazzino scomparso in Liguria

    Genova, 5/5/2016 – Dopo il tam tam innescato ieri sera sui social network dall’appello della zia in diretta, i familiari del 13enne scomparso il 3 maggio da un centro della provincia hanno ricevuto una segnalazione importante. Un altro ragazzo ha raccontato di aver viaggiato con lui in treno. Il fratello e il cugino sono andati a verificare e hanno appreso da un controllore che, trovato senza biglietto, era stato fatto scendere a Santa Margherita Ligure. Hanno quindi allertato i carabinieri, che lo hanno trovato ancora alla stazione della nota località turistica. La zia ringrazia attraverso “Chi l’ha visto?” tutti quelli che hanno contribuito al ritrovamento.

  • Fortuna Loffredo: La compagna di Raimondo Caputo dai domiciliari al carcere

    Napoli, 4/5/2016 - I carabinieri hanno eseguito un'ordinanza di aggravamento della custodia cautelare emessa oggi nei confronti di Marianna Fabozzi, dal gip del Tribunale di Napoli Nord per violazione degli obblighi sulla detenzione domiciliare. Si sarebbe incontrata con dei giornalisti. La donna, già indagata per la morte del figlio Antonio, precipitato un anno prima di Fortuna Loffredo dallo stesso palazzo, si trovava agli arresti domiciliari da novembre. Lei e il convivente Raimondo Caputo, fermato per l’omicidio della bambina, erano stati arrestati con l’accusa di abusi sulla figlia minore di lei.


    [Video – “Chicca è venuta a casa mia”, così parlò a “Chi l’ha visto?” la mamma del bimbo caduto dallo stesso palazzo]


    [Vai alla pagina di Fortuna Loffredo]


  • Aurelijus Sukionis scomparso nel 2012 da Torino, si indaga per omicidio

    Torino, 4/5/2016 - La Procura di Torino ha riaperto con l’ipotesi di omicidio le indagini su Aurelius Sukionis, il commerciante di auto lituano scomparso da Torino il 7 luglio 2012. Il pm Gianfranco Colace, che coordina le indagini, ha disposto ricerche del cadavere con l'ausilio delle unità cinofile. Un amico che lo avrebbe incontrato nel pomeriggio del 9 luglio a Vauda Canavese, disse di averlo visto andare via con la sua Alfa Romeo 147, ritrovata il 30 dello stesso mese a Torino, in piazza Manno, sprovvista delle targhe lituane (EHR319). I figli di Sukionis, che lui stava aspettando a Torino per una vacanza in Liguria, avevano lanciato appelli per ritrovarlo a “Chi l’ha visto?”.

    [Vai alla pagina del caso]

  • Isabella Noventa: Indagato il carabiniere ex compagno di Debora Sorgato

    Padova, 3/5/2016 - Il maresciallo Giuseppe Verde, ex compagno di Debora Sorgato, è indagato per violazione del segreto d'ufficio e accesso abusivo in banca dati. Il pm Giorgio Falcone ha riferito che alcuni documenti estratti da una banca dati delle forze dell'ordine sono stati sequestrati a casa del militare, insieme a un tablet in uso a Debora Sorgato. Nulla di rilevante sarebbe stato trovato invece nella successiva perquisizione del suo armadietto, effettuata lo stesso giovedì 28 aprile nella caserma dei carabinieri di Padova da dove è stato trasferito.

    [Video – Il caso nella puntata del 27 aprile 2016]

  • Fortuna Loffredo: Chiesta la riesumazione del bimbo precipitato un anno prima di lei

    Aversa (Caserta), 2/5/2016 - "Il corpo del piccolo Antonio Giglio, morto a 4 anni il 27 aprile 2013 nello stesso modo, e nello stesso stabile di Parco Verde, in cui un anno dopo è morta Fortuna Loffredo va riesumato”. Lo ha richiesto l'avvocato Angelo Pisani, legale dei nonni e del padre della piccola Fortuna. "E' necessario e doveroso - prosegue Pisani - rendere giustizia a Chicca e tutti gli altri bambini di Parco Verde molestati e non curati, come il piccolo Antonio Giglio, figlio della compagna di Raimondo Caputo, arrestato con l'accusa di avere ripetutamente violentato e ucciso Fortuna. La caduta di Antonio non è stata accidentale, ma non è improbabile che sia maturata nello stesso contesto di Fortuna. Auspico che l'autorità giudiziaria affidi gli accertamenti al Ris dei carabinieri affinché le indagini abbiano la stessa efficacia di quelle che si fanno al Nord. Ci sono anche altre persone che hanno concorso al fatto - afferma - costringerò lo Stato a guardare ed ascoltare". Per la morte del bambino è già indagata la madre Marianna Fabozzi per omicidio colposo.


    [Video – “Chicca è venuta a casa mia”, così parlò a “Chi l’ha visto?” la mamma del bimbo caduto dallo stesso palazzo]


    [Vai alla pagina di Fortuna Loffredo]