CLV

  • Magherini: Confermate in appello condanne e assoluzioni, possibile nuova inchiesta

    Firenze, 19/10/2017 - La corte d'appello di Firenze ha sostanzialmente confermato il verdetto della sentenza del processo di primo grado per la morte di Riccardo Magherini, nella notte tra il 2 e 3 marzo 2014, durante un arresto in una strada del centro. Per omicidio colposo uno dei carabinieri è stato condannato a 8 mesi e altri due a 7 mesi, mentre per il quarto è stata confermata l'assoluzione. Assolte ancora anche le due volontarie della Croce Rossa. A parziale riforma della sentenza appellata sono state disposte provvisionali risarcitorie a favore delle parti civili. Oltre alle spese processuali, ognuno dei tre carabinieri dovrà pagare 50.000 euro ai genitori e al fratello di Magherini e centomila al figlio minorenne. La corte di appello ha inoltre stabilito che sia trasmessa al pubblico ministero copia degli atti per ulteriori approfondimenti e per valutare se aprire nuove indagini e istruire un nuovo processo per abuso dei mezzi di contenzione. "Abbiamo pianto di gioia, è quello che volevamo, la sentenza di appello conferma le condanne ed esclude responsabilità di Riccardo nella propria morte, quello che volevamo portare a suo figlio". ", hanno dichiarato all'Ansa il padre e il fratello di Magherini, dopo la lettura della sentenza. "Moderatamente soddisfatto", il difensore dei carabinieri, avvocato Francesco Maresca perché la sentenza "riequilibra il concorso di colpa" e prevede "lievi condanne ai tre carabinieri".

    [Video – Il caso nella puntata del 24 febbraio 2016]


  • Ha contattato la famiglia la ragazza italiana scomparsa in Germania

    Roma, 19/10/2017 - Sta bene e si è rimessa in contatto con la famiglia la 24enne di origine sarda scomparsa in circostanze allarmanti mentre era in viaggio in autobus tra due città della Germania. La sorella, che aveva lanciato per lei un appello durante la puntata serale di "Chi l'ha visto?" in diretta con Federica Sciarelli, ha ringraziato il pubblico del programma.

  • Emanuela Orlandi: M5S chiedono Commissione inchiesta. Sciarelli, "Non sia come quella per Ilaria Alpi"

    Roma, 17/10/2017 - Una Commissione parlamentare d'inchiesta su Emanuela Orlandi per "verificare se la verità su questa sparizione non sia stata deliberatamente celata al fine di proteggere personalità di vario livello e ambito". Illustrata oggi, in una conferenza stampa al Senato, la proposta di un disegno di legge, con primo firmatario Maurizio Santangelo del Movimento Cinque Stelle. "Tra quelli di cui 'Chi l'ha visto?' si è occupato, quello di Emanuela Orlandi è stato il caso di scomparsa con più depistaggi", ha dichiarato Federica Sciarelli, tra gli invitati. "Ben venga una commissione d'inchiesta - ha aggiunto - . Così senatori e i deputati potranno avere accesso agli atti e fare le rogatorie. Ma non si arrivi a quella che fu la conclusione della commissione d'inchiesta su Ilaria Alpi: 'Una vacanza finita male'". "Dopo 34 anni è finito il tempo delle suppliche, abbiamo diritto a sapere la verità su Emanuela", ha detto Pietro Orlandi, presente con i legali Annamaria Bernardini De Pace e Laura Sgrò. "Dietro la sua scomparsa c'è qualcosa che non deve essere rivelato. C'è uno Stato che ha alzato un muro di omertà e un altro che lo ha accettato passivamente. In 34 anni si sono susseguiti tre Papi e non cambiato nulla. Ma sono convinto che tutti e tre sapessero quello che successo", ha aggiunto il fratello di Emanuela.

  • Ritrovato grazie agli spettatori l'anziano scomparso da Torino

    Torino, 17/10/2017 - Sta bene ed è stato accompagnato a casa dalla moglie l'86enne scomparso domenica 15 ottobre dal capoluogo piemontese in circostanze allarmanti. L'anziano era uscito per acquistare un dolce e non aveva più fatto ritorno a casa. Aveva perso l'orientamento ma è stato riconosciuto e soccorso da una coppia di ragazzi nella serata di ieri. Per lui era stato lanciato un appello durante l'edizione quotidiana di "Chi l'ha visto?". I familiari hanno ringraziato il pubblico del programma.

  • Anche l'Antiterrorismo indaga sulla scomparsa di Rosa

    Napoli, 16/10/2017 - Anche la sezione antiterrorismo della procura di Napoli si occuperà dell'inchiesta sulla scomparsa di Rosa, la 15enne di Sant'Antimo scomparsa dal 24 maggio. Una richiesta di archiviazione era stata respinta nel luglio scorso dal gip che aveva ordinato nuove indagini. I familiari e il loro legale avvocato Maurizio Lojacono hanno più volte lanciato appelli a "Chi l'ha visto?", denunciando che il 28enne pakistano Alì Qasib, sparito da Brescia, le aveva estorto foto intime via Internet e l'aveva convinta a intraprendere un percorso di islamizzazione.

    [VIDEO - Il caso nella puntata dell'11 ottobre 2017]

    [Vai alla pagina del caso]

  • Risolto il giallo del cadavere di Fenis: Era un uomo francese, arrestata giovane donna

    Aosta 13/10/2017 - Si attente solo il test del Dna per avere la certezza che il corpo semicarbonizzato trovato a Fenis il 19 agosto sia quello di Jean Luc D., tecnico informatico 52enne scomparso da Lione. L'identificazione grazie alla collaborazione tra carabinieri e polizia francese, dopo l'arresto il 6 ottobre di una di 22enne, sospettata di aver ucciso l'uomo e averne trasportato il corpo in Italia in auto, attraverso il traforo del Monte Bianco. La giovane donna, che avrebbe lavorato come escort a Ginevra (Svizzera), ha poi confessato di averlo colpito con due coltellate durante un rapporto sado-maso. Di Jean-Luc D. non si avevano più notizie dal 16 agosto, quando si era recato a Divonne-les-Bains, al confine con la Svizzera, dove il suo cellulare è stato agganciato per l'ultima volta. Anche la sua auto, una Peugeot 306, era sparita. In seguito sono stati effettuati prelevamenti con la sua carta di credito da una persona a volto coperto. L'indagine francese punta a individuare eventuali complici della ragazza, forse una "banda organizzata", avendo come ipotesi di reato non soltanto l'omicidio ma anche il sequestro di persona.



    [Vai alla pagina del caso]

  • Ritrovata la coppia di anziani scomparsa in auto dalla Toscana

    Firenze, 13/10/2017 - La sera di mercoledì 11 ottobre stavano viaggiando a bordo della loro auto per rientrare nella loro abitazione, in un centro della provincia Toscana, quando sono scomparsi in circostanze allarmanti. I due anziani, 80 e 74 anni, sono stati ritrovati ieri sera in buona salute dal soccorso stradale: avevano percorso trecento km, fortunatamente senza incidenti, fino ad arrivare in Piemonte, in un centro della provincia di Alessandria. Per loro era stato lanciato un appello ieri nel corso dell'edizione quotidiana di "Chi l'ha visto?" 11:30.

  • Ragazza scomparsa nell'Anconetano: Da un conoscente le foto durante diretta "Chi l'ha visto?"

    Ancona, 13/10/2017 - Erano state inviate da un conoscente della ragazza 19enne scomparsa da un centro della provincia, trovata senza vita oggi, le foto macabre ricevute da un'amica durante la diretta serale di "Chi l'ha visto?" di mercoledì scorso. Provengono dal cellulare di un uomo che lei aveva conosciuto durante un ricovero. L'amica era insieme alla mamma della ragazza, in collegamento con Federica Sciarelli.

  • Ritrovata senza vita la ragazza scomparsa da Cupramontana (Ancona)

    Ancona, 13/10/2017 - I familiari della ragazza di 19 anni di Cupramontana (Ancona) hanno comunicato alla redazione di "Chi l'ha visto?" il suo ritrovamento purtroppo senza vita. Il corpo era in un'area di campagna non lontano dalla casa dove abitava, vicino all'eremo dei Frati Bianchi. Dopo il suo allontanamento in circostanze allarmanti domenica 8 ottobre, la madre aveva lanciato appelli per ritrovarla nella striscia quotidiana e nella trasmissione serale del programma.

  • Ritrovato e soccorso dopo l'appello l'anziano scomparso dal Catanese

    Catania, 12/10/2017 - Si trovava in un bosco ed era in gravi difficoltà l'81enne scomparso il 10 ottobre da un centro della provincia in circostanze allarmanti. Per fortuna è stato trovato e trasportato in ospedale. Per lui ieri era stato lanciato un appello durante la puntata serale di "Chi l'ha visto?" in diretta con Federica Sciarelli.