CLV

  • Liberato il fotoreporter italiano detenuto in Serbia

    Roma, 5/4/2018 - È stato liberato Mauro Donato, il 41enne fotoreporter torinese detenuto in Serbia dal 16 marzo. L'uomo, originario di Torino, si trovava agli arresti in un carcere a pochi chilometri ad ovest della capitale Belgrado. Era stato fermato a Sid, al confine con la Croazia, mentre stava effettuando con un collega un reportage fotografico sulle condizioni di vita dei migranti che transitano attraverso la cosiddetta “rotta balcanica”. Per lui era stato lanciato un appello nel corso dell'edizione quotidiana di "Chi l'ha visto?",

  • Condannato a 10 anni l'uomo accusato dello stupro a Villa Borghese

    Roma, 5/4/2018 - E’ stato condannato a 10 anni Cristi Popa, il 25enne romeno accusato di aver violentato, picchiato e derubato il 18 settembre la donna tedesca senza fissa dimora accampata a Villa Borghese a Roma. Decisiva è stata la prova del Dna. L'uomo aveva parzialmente ammesso le sue responsabilità anche per le aggressioni di altre tre donne, sempre a Roma. Per questo si trova in carcere per sequestro di persona, violenza sessuale, rapina, lesioni e ricettazione. Ma avrebbe colpito anche fuori dalla Capitale. Un ordine di arresto lo ha avuto per per un'altra violenta rapina a Monterotondo il 3 ottobre scorso. Se altre vittime lo riconoscono in questa foto recente possono rivolgersi ai Carabinieri.

  • Ritrovati i resti di un'anziana scomparsa nel 2013

    Bologna, 4/4/2018 - Un cercatore di funghi ha rinvenuto resti umani in un bosco nei pressi di via Parviano, a Castello di Serravalle. Da primi accertamenti dei Carabinieri, le ossa rinvenute apparterrebbero a una donna di 91 anni della zona che era scomparsa nel 2013. Sul posto sono stati ritrovati anche i capi d'abbigliamento che la donna indossava al momento della scomparsa, indicati anche dalla famiglia nei suoi appelli a "Chi l'ha visto?".

  • Studente italiano scomparso in Slovenia: Qualcuno ha sue notizie?

    Ferrara, 3/4/2018 - Da domenica 25 marzo non si hanno notizie di Davide, studente 26enne del Ferrarese, da tempo domiciliato a Lubiana (Slovenia) dove studia. Quel giorno i genitori lo hanno sentito l'ultima volta, poi il suo cellulare è risultato spento. La sorella ha pubblicato un appello sui social con la sua foto e i suoi dati: è alto 1,85 e ha gli occhi verdi e i capelli biondi Indossava una giacca verde scuro, un berretto blu e stivali marroni. L'ambasciata italiana in Slovenia ha assicurato che le ricerche della polizia locale vanno avanti.

  • Trovato In un dirupo il corpo dello studente scomparso a Positano

    Napoli, 3/4/2018 - L'identificazione ha confermato che il corpo ritrovato ieri intorno alle 13 a Positano (Salerno) è dello studente napoletano di 20 anni scomparso dopo una serata in discoteca l'1 aprile. La Procura di Salerno ha aperto un'inchiesta e disposto l'autopsia.

    Una delle due amiche con cui era arrivato al locale la sera prima ha riferito a "Chi l'ha visto?" che sono usciti dal locale tra le 3:30 e le 4. Il giovane avrebbe iniziato a correre dicendo di dover andare a prendere l'auto. Ma non aveva né le chiavi né il portafoglio. La ragazza ha detto di aver cercato di raggiungerlo, senza riuscirci. Quindi lo ha chiamato al cellulare, ottenendo risposta solo dopo molti tentativi e e non da lui, ma da una ragazza che diceva di aver trovato il telefono a terra nel locale. Il cellulare sarebbe poi passato a un ragazzo che lo avrebbe restituito al padre dello studente arrivato a Positano per le ricerche.

  • Pozzo di Porto Recanati: Altri frammenti di ossa trovati nei pressi dell'Hotel House

    Porto Recanati (Macerata), 3/4/2018 - Sono ripresi questa mattina con il ritrovamento di altri frammenti ossei gli scavi nei pressi dell'Hotel House. Lo riferisce l’inviata di “Chi l’ha visto?”. Anche questi saranno sottoposti alle analisi scientifiche per capire se di tratta di ossa umane, come quelle già ritrovate. Nella stessa area, dove si trovano un casolare abbandonato e un pozzo, dal 28 marzo sono emersi prima i resti di una adolescente, poi quelli di un bambino tra gli 8 e i 10 anni. Per la ragazza alcuni dettagli dell’abbigliamento fanno ipotizzare che possa trattarsi della 15enne Cameyi, 15enne bengalese, scomparsa ad Ancona nel 2010.

  • Ilaria Alpi: Hashi risarcito con oltre tre milioni di euro per ingiusta detenzione.

    Roma, 30/3/2018 - Cinquecento euro per ogni giorno trascorso in carcere da innocente. La Corte di Appello di Perugia, che il 19 ottobre 2016 aveva assolto Hashi Omar Hassan dall'accusa di aver ucciso Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, gli ha riconosciuto un risarcimento di 3.181.500 euro per 6.363 giorni, oltre 17 anni di ingiusta detenzione. Il processo di revisione era stato ottenuto dai legali del somalo dopo che "Chi l'ha visto?" ha rintracciato il testimone chiave del primo procedimento, Ahmed Ali Rage detto Gelle, che aveva smentito la deposizione determinante per la condanna di Hashi, resa non in aula. Nella sua sentenza di assoluzione, la Corte di Perugia ha parlato esplicitamente di "attività di depistaggio di ampia portata", sui quali la madre di Ilaria Alpi ha chiesto che sia fatta luce attraverso il suo legale. La procura di Roma ha invece avanzato una richiesta di archiviazione dell'inchiesta.

  • Ritrovato senza vita l'uomo scomparso da Genova

    La Spezia, 30/3/2018 - Non aveva risposto ai vecchi amici che si erano riuniti per rivolgergli un accorato appello da "Chi l'ha visto?". E' stato ritrovato senza vita l'uomo di 60 anni scomparso il 26 febbraio da Genova. Il corpo, che era seminascosto dalla vegetazione, è stato rinvenuto da alcuni giovani durante un'escursione in una località costiera dello Spezzino dove l'uomo si recava spesso. Per lui i familiari avevano lanciato appelli a "Chi l'ha visto?".

  • Ritrovata in Molise la pensionata scomparsa da tre giorni nel Frusinate

    Frosinone, 30/3/2018 - E' stata ritrovata la pensionata 66enne scomparsa da un centro della provincia la notte tra il 26 e il 27 marzo in circostanze allarmanti. La donna è ricoverata all’ospedale di Termoli (Campobasso). I familiari, che avevano lanciato per lei appelli a "Chi l'ha visto?", hanno ringraziato il pubblico del programma.

  • Ritrovata in Francia la donna scomparsa dal Perugino

    Perugia, 30/3/2018 - E' stata la gendarmeria di Parigi a identificarla grazie alla seconda denuncia sporta dai familiari, che l’Interpol aveva inviato alle forze dell’ordine francesi. La donna, che era scomparsa il 21 febbraio in circostanze allarmanti da un centro della provincia, si trovava in un ospedale della capitale francese ed è in buone condizioni di salute. La famiglia, che aveva lanciato per lei appelli a "Chi l'ha visto?", ha ringraziato il pubblico del programma.