CLV

  • Ilaria Alpi: Nuove indagini sulle intercettazioni arrivate a Roma dopo anni, la presenza di militari italiani e la fonte SISDE

    Roma, 26/6/2018 - Il gip Andrea Fanelli ha rigettato la richiesta di archiviazione della procura e ha accolto l'opposizione presentata dagli avvocati Carlo Palermo e Giovanni D'Amati, legali della madre di Ilaria Alpi, Luciana Riccardi, recentemente venuta a mancare. Il giudice ha disposto che siano effettuati i seguenti ulteriori accertamenti, fissando un termine di 180 giorni per le indagini:

    - sentire come persone informate sui fattii somali Abdi Badre Hayle e Mohamed Geddi Bashit, intercettati dalla Guardia di Finanza di Firenze il 21 febbraio 2012, per accertare chi diede l'ordine di accreditare 40mila dollari all'avvocato Duale, come mai il primo sapesse già che la somma era per la "questione Hashi", chi avesse detto al secondo che Hashi era innocente e che Ilaria Alpi sarebbe stata uccisa da militari italiani.

    - audire l'avvocato Duale, legale di Hashi Omar Hassan, per accertare se gli sia stato inviato effettivamente il denaro dal governo somalo per la difesa di Hashi oppure da altri e per quali scopi.

    - accertare la data effettiva in cui è arrivata alla procura di Roma la nota con il contenuto delle intercettazioni, la cui trasmissione è stata disposta dalla procura di Firenze il 19 dicembre 2012, ritenendo "anomalo" che ciò sia avvenuto oltre cinque anni dopo.

    - accertare se alla data del 20 marzo 1994 fossero presenti a Mogadiscio militari italiani.

    - verificare se persistono le ragioni di sicurezza che non hanno permesso finora di escutere la fonte confidenziale citata nella relazione SISDE del 3/9/97, che parlava di "un coinvolgimento di Giancarlo Marocchino nell'omicidio Alpi - Hrovatin nonché in traffici di armi".

  • Riprese le ricerche di Angelo Paolo Luciani

    La Spezia, 26/6/2018 - A distanza di quasi tre anni riprendono le ricerche di Angelo Paolo Luciani, il 56enne di Sarzana (La Spezia) scomparso il 3 novembre 2015. I carabinieri sommozzatori di Genova stanno cercando il suo corpo nelle acque dei laghetti dei 'Bozi di Saudino', area naturalistica alle porte di Sarzana, dopo nuove testimonianze di persone che hanno riferito che l'uomo, negli ultimi tempi, si era recato più volte nella zona.

    [Vai alla pagina del caso]

  • Ritrovato in Molise l'uomo scomparso venti giorni fa da Foggia

    Foggia, 26/6/2018 - E' stato soccorso dai Carabinieri dopo la segnalazione di un passante a Campomarino (Campobasso) l'uomo di 43 anni che il 7 giugno si era allontanato da Foggia in circostanze allarmanti. Dopo il ricovero in ospedale per accertamenti sono stati avvertiti i familiari, che avevano lanciato per lui appelli a "Chi l'ha visto?".

  • Ritrovato senza vita l'anziano scomparso dal Salernitano

    Salerno, 25/6/2018 - Il corpo senza vita dell'uomo di 79 anni, che era scomparso da un centro della provincia il 16 giugno, è stato ritrovato nella serata di domenica 24 giugno in un dirupo a Olevano sul Tusciano. La sua auto era a poca distanza. Per lui i familiari avevano lanciato appelli a "Chi l'ha visto?".

  • Ritrovato l'uomo scomparso dal Fiorentino il 6 giugno

    Firenze, 25/6/2018 - E' stato soccorso sabato 23 giugno sulla superstrada Firenze - Pisa - Livorno ed è stato ricoverato per accertamenti l'uomo di 50 anni scomparso in circostanze allarmanti il 6 giugno da un centro della provincia. I familiari, che avevano lanciato per lui appelli a "Chi l'ha visto?", hanno ringraziato il pubblico del programma.

  • Studente scomparso in Slovenia: Per la polizia di Lubiana è stato un incidente

    Lubiana, 23/6/2018 - Non ci sono tracce di violenza sul corpo dello studente italiano, scomparso a marzo, rinvenuto nel fiume Ljubljanica il 19 giugno. Lo ha reso noto la polizia della capitale slovena con un comunicato sull'esito dell'autopsia e l'identificazione ufficiale. Per gli investigatori locali, che avevano lanciato un appello a "Chi l'ha visto?", il 26enne ferrarese è caduto nel fiume da solo, per un incidente. A Lubiana per motivi di studio, il giovane era stato visto l'ultima volta all'alba di domenica 25 marzo dopo una serata in una discoteca.

  • Pietro Orlandi: “Scopriamo oggi che rapitori chiamarono il Vaticano la sera della scomparsa di Emanuela”

    Roma, 22/6/2018 - "Siamo sempre stati convinti che la prima telefonata dei rapitori fosse stata il 5 luglio, cioè dopo che Giovanni Paolo II aveva già lanciato un appello per Emanuela. Invece era arrivata il giorno stesso della scomparsa”. La rivelazione di Pietro Orlandi nel giorno in cui 35 anni fa spariva la sorella Emanuela Orlandi e lui ha organizzato un sit-in e una fiaccolata per ricordarla e chiedere giustizia. "Noi - ricorda - neanche avevamo fatto la denuncia -, perché il giorno stesso ci dissero di aspettare, mentre il Papa veniva avvisato in Polonia dove si trovava per un viaggio. Mi sono sempre chiesto, ma possibile che avvisano il Papa per una ragazza che ha fatto tardi a casa? E invece una risposta ce l'ho adesso, perché loro già sapevano di questa telefonata". “Emanuela - continua Orlandi - è scomparsa alle 19 e 15 circa. Tra le 20 e le 21 è arrivata la prima telefonata, prima al centralino poi alla sala stampa vaticana dove annunciavano il rapimento e dicevano di voler parlare con la Segreteria di Stato. Noi in quel momento neanche sapevamo che cosa fosse successo a Emanuela, mentre in Vaticano già sapevano che c'era stata questa chiamata e l'hanno nascosto fino ad oggi. Mi domando perché. Questi elementi potevano essere importanti già all'epoca e questo fa capire anche perché Giovanni Paolo II nell'appello del 3 luglio parlò subito di 'responsabili' e fece riferimento ai rapitori: perché già avevano avuto contatti la sera stessa". Pietro Orlandi conclude appellandosi direttamente Papa Francesco: "Ci aiuti, lui può chiudere questa storia".

  • Ritrovata la minore scomparsa da Torino due giorni fa

    Torino, 22/6/2018 - E' rientrata a casa l'atleta 17enne che si era allontanata giovedì 21 giugno in circostanze allarmanti dalla città piemontese. I familiari, che avevano pubblicato per lei un appello sul sito di "Chi l'ha visto?", hanno ringraziato il pubblico del programma.

  • Ritrovata senza vita l'anziana scomparsa da una struttura in Molise

    Isernia, 22/6/2018 - Sono stati gli uomini del Soccorso Alpino e dei Vigili del Fuoco a ritrovare questa mattina il corpo senza vita della signora 92enne, in un bosco nei pressi del paese dove si trovava la struttura di cui era ospite. L'anziana si era allontanata domenica 17 giugno e per lei la figlia aveva lanciato un appello nel corso della puntata serale di mercoledì 20 giugno con Federica Sciarelli.

  • Ritrovato ieri nel Tevere il corpo dell'anziano scomparso a Roma

    Roma, 22/6/2018 - E' stato ritrovato nel tardo pomeriggio di ieri nel Tevere, all'altezza del Ponte della Magliana, il cadavere dell'uomo di 86 anni scomparso il 15 giugno dalla zona di Villa Gordiani. Per lui i familiari e gli amici avevano lanciato un appello in diretta dal centro anziani che frequentava nel corso della puntata serale di mercoledì 20 giugno con Federica Sciarelli.