CLV

  • Investito l'anziano trovato morto, pirata identificato dai Carabinieri

    Torino, 28/11/2018 - Un artigiano di 36 anni è accusato di omicidio stradale e omissione di soccorso dell'anziano trovato senza vita a Gassino Torinese. "Pensavo di aver travolto un animale" ha detto la magistrato che lo ha sentito oggi alla procura a Ivrea. I carabinieri di Chivasso hanno rintracciato il suo furgone bianco, con segni dell'impatto, grazie alle immagini di un sistema videosorveglianza sul luogo dell'incidente.

  • Ritrovata dalla Polfer dopo l'appello la donna scomparsa dal Genovese

    Genova, 27/11/2018 - E’ stata ritrovata poco dopo l'appello in diretta a "Chi l'ha visto? 11:30", sta bene, la donna scomparsa ieri dopo il lavoro da un centro della provincia. Sono stati gli agenti della Polfer in servizio alla stazione di Genova Brignole a riconoscere la 42enne e ad avvisare i familiari.

  • Trovato senza vita il cacciatore scomparso a Rimini, i cani lo hanno vegliato per giorni

    Rimini, 27/11/2018 - E' stato ritrovato nel pomeriggio il corpo del cacciatore di 68 anni di Santarcangelo di Romagna, disperso dal 21 novembre nelle zona boschiva di Poggio Torriana. Lo hanno rinvenuto i carabinieri dell'unità cinofila di Bologna, non lontano dalla sua auto parcheggiata in un fitto sottobosco di rovi. In una mano aveva ancora la cacciagione appena presa. Ancora vivi i suoi due cani Breton, che erano accovacciati su di lui a vegliarlo. Secondo una prima ricostruzione, in attesa dell'autopsia, l'uomo sarebbe scivolato mentre scavalcava un tronco, cadendo con tutto il peso del corpo sul fucile usato come bastone. La canna dell'arma si sarebbe conficcata nel collo.

  • Trovato senza vita l'uomo scomparso dall'Alessandrino ad agosto

    Alessandria, 23/11/2018 - Trovato senza vita l'uomo di 35 anni scomparso in provincia di Alessandria il 16 agosto. Si era allontanato a piedi dalla casa dei genitori e non aveva più fatto rientro. La madre aveva trovato un bigliettino allarmante in camera sua. Il corpo è stato trovato tra la fitta vegetazione dell’aeroporto di Novi Ligure da un operaio impegnato in un sopralluogo nella zona. Il fratello e la mamma avevano lanciato per lui commossi appelli a "Chi l'ha visto?".

  • Ossa Nunziatura: la Procura di Roma esclude che siano di Emanuela Orlandi e di Mirella Gregori

    Roma, 23/11/2018 - Le ossa trovate il 29 ottobre in una dependance della Nunziatura Apostolica a Roma hanno una datazione antecedente al 1964 e sono di un uomo. Non appartengono dunque a Emanuela Orlandi e Mirella Gregori. Lo hanno rivelato gli esami svolti nei laboratori della polizia scientifica nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Roma: da un femore è stato isolato un Dna inutilizzabile per la comparazione, perché deteriorato, ma che presenta il cromosoma Y che caratterizza il sesso maschile. Le prime risultanze sulla datazione delle arrivano invece dagli esami sui resti della calotta cranica e del radio, un osso dell’avambraccio, eseguiti col metodo del carbonio 14 in laboratori specializzati a Caserta. Gli esperti hanno stabilito che le ossa sono antecedenti al 1964 in base al “bomb effect” ovvero l’effetto causato dal divieto, sancito nel 1963, di effettuare i test nucleari nell’atmosfera che altera drasticamente la presenza di radio carbonio su ossa e qualsiasi altro campione organico rinvenuto.

  • Fidanzati uccisi: No alla super perizia chiesta da Ruotolo

    Trieste, 23/11/2018 - Dopo due ore e 40 minuti di camera di consiglio, la Corte di Assise d'appello ha rigettato la richiesta di super perizia, avanzata dalla difesa di Giosuè Ruotolo. Il processo di secondo grado prosegue nel pomeriggio con la requisitoria del procuratore generale Carlo Sciavicco.

  • Ritrovato grazie a uno spettatore l'uomo scomparso a Milano

    Milano, 23/11/2018 - Ritrovato grazie a uno spettatore l'uomo di 52 anni scomparso il 21 novembre 2018 a Milano. E' stato riconosciuto in Svizzera da un cameriere di un locale che aveva visto l'appello a "Chi l'ha visto?". Ha ripreso un treno per rientrare nel suo paese d'origine. Era in stato confusionale ed ora è stato soccorso dalle autorità del posto.

  • Ritrovata dopo l'appello la donna scomparsa nel napoletano

    Napoli, 22/11/2018 - Ritrovata la donna di 39 anni scomparsa in provincia di Napoli il 19 novembre. Era uscita di casa e non era più tornata. Si è messa in contatto con la famiglia dopo l'appello di ieri sera a "Chi l'ha visto?".

  • Ritrovata grazie a uno spettatore l'anziana scomparsa 10 mesi fa

    Roma, 22/11/2018 - Ritrovata da un inviato di "Chi l'ha visto?" grazie alla segnalazione di uno spettatore la donna di 60 anni scomparsa da Roma. Era nei pressi del Policlinico Umberto I. Aveva perso la scheda sim del suo cellulare dieci mesi fa. La redazione l'ha messa in contatto con la sorella, uno dei familiari che avevano fatto un appello a "Chi l'ha visto?".

  • Ritrovata dalla Polizia grazie agli spettatori la mamma scomparsa dal Ragusano

    Ragusa, 21/11/2018 - E' stata la segnalazione di una spettatrice arrivata a "Chi l'ha visto?", dopo gli appelli del marito, a permettere alla Squadra Mobile della Questura di Ragusa di rintracciare la mamma di cinque figli scomparsa il 15 ottobre in circostanze allarmanti. La donna di 39 anni sta bene, si trovava a Palermo per sua scelta. "Felice che sia stata ritrovata, rispetterò le sue scelte", ha detto in diretta a "Chi l'ha visto? 11:30" il marito della donna. Il caso questa sera nella trasmissione in prima serata con Federica Sciarelli.

    Il comunicato della Questura di Ragusa:

    "La Polizia di Stato rintraccia Pepi Giuseppina grazie anche alle segnalazioni giunte alla trasmissione televisiva “Chi l’ha visto?” che ha prontamente informato la Squadra Mobile di Ragusa. Foto Squadra Mobile La donna sta bene ed è stata ascoltata dalla Pubblico Ministero presso la Procura della Repubblica di Ragusa che coordinava le indagini della Squadra Mobile e del Commissariato di Vittoria.

    La Polizia di Stato - Squadra Mobile e Commissariato di Vittoria – dal 15.10.2018 seguiva le indagini in ordine allontanamento, segnalato dal marito, della Sig.ra Pepi Giuseppina.

    Sin dal primo momento in cui il marito si è presentato presso il Commissariato di Vittoria, gli uomini della Polizia di Stato avevano dato avvio al protocollo per la ricerca persone scomparse istituito già da anni presso la Prefettura di Ragusa.

    Considerato il tempo e le circostanze nelle quali era maturato l’allontanamento, temendo per l’incolumità della donna, la Procura della Repubblica di Ragusa, delegava tempestivamente la Squadra Mobile ed il Commissariato di Vittoria al fine di procedere all’individuazione della signora.

    Le indagini permettevano di attestare l’allontanamento della donna dalla città di Vittoria in data 15.10.2018 per raggiungere Palermo per motivi connessi ad un grave disagio familiare in cui viveva la signora.

    A distanza di poco più di un mese, domenica scorsa, il giornalista inviato della trasmissione televisiva “Chi l’ha visto?”, Ercole Rocchetti, contattava la Squadra Mobile di Ragusa per comunicare di aver ricevuto in redazione segnalazioni circostanziate sulla possibile presenza della donna a Palermo, dato che già era emerso dalle attività investigative fino a quel momento svolte.

    Grazie alla collaborazione della testata giornalistica, gli investigatori iblei, chiedevano di effettuare alcune verifiche al personale della Squadra Mobile di Palermo, esperto conoscitore del territorio.

    I poliziotti della Questura di Palermo in meno di 48 ore individuavano le persone informate sui fatti che avevano visto e segnalato la donna alla redazione di “Chi l’ha visto?” e subito dopo identificavano Giuseppina Pepi in Piazza XIII Vittime a Palermo nei pressi della Caritas dove si recava a mangiare.

    La donna accompagnata presso gli uffici della Squadra Mobile di Palermo, veniva assistita da personale femminile della Polizia di Stato, per poi essere alloggiata in una struttura del capoluogo.

    Nel contempo, sempre ieri sera, una giornalista della trasmissione televisiva “Pomeriggio cinque”, contattava la Polizia di Stato inviando un video ed una foto della sig.ra Pepi a riscontro della presenza su quel territorio nei giorni subito dopo l’allontanamento da Vittoria.

    In data odierna, personale femminile della Squadra Mobile di Ragusa e del Commissariato di Vittoria, si recavano a Palermo per poi accompagnare la Pepi presso gli Uffici della Questura di Ragusa dove il Pubblico Ministero dott.ssa Bisello Giulia l’ha ascoltata in ordine al suo allontanamento".