CLV

  • Trovato senza vita il giovane scomparso nel Milanese

    Milano, 12/07/2019 - Trovato senza vita dai Carabinieri il giovane elettricista di 22 anni scomparso dalla provincia di Milano il 4 luglio. Era uscito di casa in macchina per incontrare degli amici e non era più rientrato. Il corpo era in un canale tra i comuni di Rho e Arese. La sua auto è stata ritrovata a pochi metri di distanza. I familiari avevano lanciato un appello a “Chi l’ha visto?”.

  • "Ti prego fatti trovare": la mamma di Davide Barbieri partecipa alle ricerche

    Morrano Nuovo (Orvieto), 11 luglio 2019 – "Ti prego, fatti trovare e aiutaci così a capire cosa ti è successo": la mamma di Davide Barbieri partecipa alle ricerche nella zona dove è stata trovata parte di un teschio. Con un importante dispiegamento di mezzi da parte del Soccorso Alpino Speleologico, dei Vigili del Fuoco, della Protezione Civile, di Polizia e Carabinieri si è svolto un sopralluogo nei boschi per le ricerche dei resti del giovane scomparso da Orvieto il 27 luglio 2008. Da Morrano Nuovo numerosi gruppi di ricerca hanno perlustrato un’ampia zona boschiva molto impervia, in particolare quella di Piano della Casa, dove due anni fa era stato ritrovato il teschio del ragazzo. E’ così stato rinvenuto un frammento osseo riconducibile a Davide. Con il nostro inviato e la madre di Davide, alla missione di ricerca ha partecipato Fabrizio Pace, antropologo e membro di Penelope Piemonte: è stato proprio lui a ritrovare il reperto. La madre lancia un nuovo appello: “Si faccia avanti chi si è imbattuto per primo nel teschio di mio figlio e lo ha poi deposto su un tronco di un albero, in modo da farci sapere il luogo esatto del ritrovamento”.

  • Lidia Macchi: Riaperta istruttoria in appello, nuove verifiche sulla lettera anonima

    Milano, 11/7/2019 - La Corte d'Assise d'Appello di Milano ha deciso la riapertura dell'istruttoria nel processo di secondo grado a carico di Stefano Binda. Il 24 aprile 2018 il 51enne era stato condannato all'ergastolo per l'omicidio di Lidia Macchi a Cittiglio, nel Varesotto, nel 1987. Accolta la richiesta dei legali di Binda di sentire Piergiorgio Vittorini, il penalista che dichiarò di sapere chi era l'autore della lettera anonima alla famiglia Macchi, intitolata "In morte di un'amica", attribuita all'imputato. Saranno sentiti anche due consulenti grafologici.

    [VAI ALLA PAGINA]

  • Rinviato a giudizio per omicidio il marito di Gianna Del Gaudio

    Bergamo, 11/7/2019 - Antonio Tizzani è stato rinviato a giudizio per l'omicidio della moglie Gianna Del Gaudio, la professoressa in pensione uccisa con un taglio alla gola nella sua casa di Seriate nella notte fra il 26 e 27 agosto 2016. Lo ha deciso il giudice dell'udienza preliminare Lucia Graziosi. Prima udienza del processo il 4 dicembre.

    Tizzani ha sempre respinto pubblicamente ogni accusa, avvalendosi della facoltà di non rispondere davanti davanti ai magistrati. In una intervista a "Chi l'ha visto?" aveva detto di aver visto un uomo incappucciato allontanarsi dalla casa, ma nessun riscontro era stato trovato nelle immagini di videosorveglianza della zona.

    [VIDEO - Il caso nella puntata del 28 settembre 2016]

  • Emanuela Orlandi: Vuote le due tombe al Cimitero Teutonico in Vaticano

    Roma, 11/7/2019 -  "Le ricerche hanno dato esito negativo: non è stato trovato alcun reperto umano, né urne funerarie". Il direttore della sala Stampa Vaticana Alessandro Gisotti ha comunicato l'esito ufficiale delle verifiche in due tombe al Campo Santo Teutonico, concluse alle 11:15. "Sotto la prima tomba è stato trovato un locale di circa quattro metri per tre completamente vuoto. Anche il sarcofago vicino era vuoto", ha riferito Pietro Orlandi, che ha partecipato alle operazioni insieme al suo legale Laura Sgrò.

  • Maria Chindamo: Arrestato proprietario del casolare di fronte alla sua azienda agricola

    Vibo Valentia, 11/7/2019 - Salvatore Ascone, 53 anni, detto “U Pinnularo”, è stato arrestato dai Carabinieri con l'accusa di concorso nell'omicidio di Maria Chindamo, scomparsa il 6 maggio 2016. Il provvedimento del gip del Tribunale di Vibo Valentia, su richiesta della procura. Si tratta del proprietario del casolare di fronte all’azienda agricola di Limbadi, di proprietà dell’imprenditrice di Laureana di Borrello, dove è stata trovata la sua auto insanguinata. Con lui risultano indagati a piede libero anche un figlio, all'epoca mnorenne, e un suo operaio romeno, Gheorge Laurentiu Nicolae, 30 anni. La procura contesta loro il reato di concorso in omicidio con soggetti allo stato ignoti. Secondo gli inquirenti avrebbero contribuito a cagionare la morte di Maria Chindamo manomettendo il sistema di videosorveglianza installato nella proprietà di Ascone, in località Montalto, per impedire la memorizzazione delle immagini riprese dalla telecamera puntata sull’ingresso della proprietà della vittima, dove la donna fu prelevata e portata via.

    [VAI ALLA PAGINA]



  • Trovato senza vita l'uomo scomparso da Cuneo

    Cuneo, 10/07/2019 - Trovato senza vita il produttore di vino 42enne scomparso dalla provincia di Cuneo il 3 luglio. Era uscito dalla sua auto e non era più rientrato a casa. Il corpo è stato trovato dai Carabinieri in un campo a Costigliole d'Asti. I familiari avevano fatto un appello a "Chi l'ha visto?".

  • Condannato l'uomo tedesco fuggito in Sicilia con una tredicenne

    Roma, 9/7/2019 - Condannato in primo grado a sei anni dal Tribunale Regionale di Friburgo (Germania) Bernhard Manfred Haase, il 58enne accusato di aver rapito nel 2013 l'allora 13enne  Maria Henselmann. L'uomo era stato arrestato a settembre in Sicilia, a Licata, dove aveva vissuto per cinque anni con la ragazza fingendo di esserne il padre.

  • Desaparecidos italiani: Appello ribalta sentenza, tra i 24 all'ergastolo anche Troccoli

    Roma, 8/9/2019 - La prima Corte d'assise d'appello bis del Tribunale di Roma ha condannato al 'carcere a vita' tutti gli imputati, anche quelli assolti in primo grado, per la morte di 23 desaparecidos italiani nell'ambito del cosiddetto Piano Condor tra gli anni '70 e '80. Tra i condannati per omicidio volontario pluriaggravato continuato, l'ex ministro dell'Interno della Bolivia, Luis Arce Gomez, l'ex presidente del Perù, Francisco Morales Bermudes, l'ex ministro degli Esteri dell'Uruguay, Juan Carlos Blanco (assolto per solo uno dei capi d'imputazione), e il tenente di vascello Jorge Nestor Fernandez Troccoli. Quest'ultimo, membro dei servizi segreti della Marina uruguaiana, accusato della morte di sei italiani, da alcuni anni vive in Italia.

    [VIDEO - Il caso nella puntata dell'11 febbraio 2015]

  • Eutanasia in Svizzera per donna catanese: Indagato Coveri di "Exit Italia"

    Torino, 6/7/2019 - Un avviso di garanzia con l'ipotesi di omicidio del consenziente (Art. 580 CP) è stato notificato dai Carabinieri a Emilio Coveri, responsabile di "Exit Italia", associazione impegnata per il diritto all'eutanasia. Il provvedimento è stato emesso dalla procura di Catania per il caso della maestra elementare di Paternò deceduta ad aprile in una clinica svizzera che pratica il suicidio assistito. "Non siamo stati in grado di fermare questa macchina della morte", aveva detto a "Chi l'ha visto?" il fratello della donna, dopo che i familiari si erano rivolti al programma credendola scomparsa.

    [VIDEO - Il caso nella puntata dell'8 maggio 2019]