CLV

  • "Sereni Orizzonti": arrestato il fondatore

    Udine, 24/10/2019 - Arrestato Massimo Blasoni, fondatore di Sereni Orizzonti, nell’ambito di un procedimento condotto dalla Guardia di Finanza di Udine coordinata dalla Procura della Repubblica, per truffa aggravata nel settore dell’assistenza socio-sanitaria ai danni dei bilanci delle Regioni Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Toscana e Sicilia. Nel complesso sono stati eseguiti otto arresti, perquisizioni e sequestri per 10 milioni di euro. Il costo del personale di servizio veniva compresso per massimizzare i profitti di impresa con una ricaduta negativa sulla prestazioni erogate e sull’assistenza fornita.

    Di Massimo Blasoni e della sua società si era occupato "Chi l'ha visto?" nei mesi scorsi in relazione alla vicenda di Villa Pitti, la RSA di Signa (Firenze) che fa parte della galassia delle strutture assistenziali della Sereni Orizzonti.
    Avevamo raccolto le testimonianze di alcuni ospiti, dei loro familiari e di due lavoratori che ci denunciavano gravi carenze nei servizi e nelle condizioni igieniche e di lavoro non adeguate.



    [GUARDA VIDEO INTEGRALE]

  • "Angela Stefani è stata uccisa": Arrestato il convivente della donna scomparsa nel Trapanese

    Trapani, 23/19/2019 - I Carabinieri della Compagnia di Mazara del Vallo hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Vincenzo Caradonna, il convivente di Angela Stefani, accusato di omicidio volontario, distruzione e occultamento di cadavere, e detenzione di ordigni esplosivi.  Il provvedimento emesso dal gip di Marsala su richiesta della procura della Repubblica di Marsala,  che indaga sulla scomparsa della donna di origine bolognese vista l'ultima volta a Salemi alla fine di gennaio.

    Determinante, comunicano i Carabinieri, il rilevamento da parte del RIS di Messina di "molteplici tracce ematiche" di Angela Stefani nella casa in cui lei e Caradonna convivevano. Grazie all’impiego della tecnica BPA (Bloodstain Pattern Analysis 1)  i RIS hanno ricostruito l'aggressione violenta che avrebbe subito la donna, riportando gravi ferite e la conseguente  perdita di sangue.

    Almeno sei i colpi inferti nel soggiorno, dove è stato rilevato "un grossolano tentativo di bonificare l’ambiente".Nonostante le imponenti ricerche in un'area di 300 ettari, il corpo di Angela Stefani non è stato ancora ritrovato.

    [VAI ALLA PAGINA]

  • Luciana Fantato è morta, suoi i resti nel Terdoppio

    Pavia, 22/10/2019 - Sono di Luciana Fantato i  resti umani trovati nel torrente del Terdoppio all’altezza del comune di Alagna Lomellina (Pavia), a circa 7km da Gambolò da dove la donna è sparita il 10 novembre 2017. Il ritrovamento domenica 23 giugno, da parte di tre amici che passeggiavano sulla riva. La conferma dell'identificazione è arrivata dal confronto genetico con i campioni prelevati a luglio ai familiari della 59enne.

  • Ritrovata la ragazza scomparsa da Roma

    Roma, 22/10/2019 - Ritrovata la ragazza di 20 anni scomparsa da Roma il 16 ottobre. Si era allontanata da un albergo dove si trovava insieme alla madre e il fratello, che avevano lanciato un appello a "Chi l'ha visto?".

  • Ritrovato dalla Polfer il ragazzo scomparso dalla provincia di Roma

    Bologna, 21/10/2019 - La Polizia Ferroviaria ha confermato a "Chi l'ha visto?" il ritrovamento in serata a #Bologna del ragazzo di 14 anni scomparso il 17 ottobre dalla provincia di #Roma. Si trova negli uffici della Polfer e sta bene. La nonna aveva lanciato un appello sui social del programma.

  • Recuperata dai Carabinieri la biga di Morgantina, 17 arresti

    La procura di #Catania e i Carabinieri hanno recuperato l'antica biga di Morgantina, rubata nel giugno 2017 con un elicottero. Dalle indagini sulla rapina a un centro scommesse il ritrovamento in una stanza segreta. La banda l'aveva proposta a un acquirente tedesco per 900mila euro. Arrestate 17 persone.

    I particolari dell'operazione nel racconto del Maresciallo Maggiore Nunzio Ferrarotto.

  • Ritrovata a Milano la ragazza dal Bresciano

    Brescia, 18/10/2019 - Ritrovata a Milano la ragazza di 19 anni scomparsa il 14 ottobre dal Bresciano. Dopo essere stata derubata ieri del suo marsupio, ha avvisato i Carabinieri che l'hanno messa in contatto con i genitori. La mamma aveva lanciato un accorato appello in diretta nell'ultima puntata di "Chi l'ha visto?".

  • Strage di Bologna: Resti nella bara non sono di Maria Fresu



    Bologna, 15/10/2019 - I profili mitocondriali trovati nei resti conservati nella bara di Maria Fresu non risultano sovrapponibili con il Dna dei familiari della donna uccisa con la sua bambina dalla bomba alla stazione il 2 agosto 1980. Lo ha comunicato Elena Pilli, la perita nominata dalla Corte d'Assise nel processo a Gilberto Cavallini, con una nota ai consulenti di parte. In accordo con il presidente della Corte, la genetista ha comunicato anche di aver chiesto una proroga di sette giorni per terminare la stesura della relazione. Ad essere analizzato è stato la parte di un volto. Le vittime sfigurate sono state più di una.

    [VIDEO - Speciale "Chi l'ha visto?": La Strage di Bologna]

  • Segregata in casa morta di stenti: Indagati genitori e fratello

    Bari, 14/10/2019 - Chiuse le indagini sulla morte della 32enne di Polignano a Mare Paola Manchisi il 6 gennaio 2018. La procura di Bari ipotizza il reato di abbandono di persona incapace aggravato dalla morte a carico dei genitori e del fratello della giovane donna. Per il pm Bruna Manganelli, riporta l'ANSA, "in qualità di garanti della salute, della vita e dell'incolumità personale" della figlia e sorella, "in violazione dei doveri di cura e di custodia della persona loro imposti dalla qualità di garanti", i tre indagati avrebbero "abbandonato la giovane Paola, incapace di provvedere a se stessa" a causa di una serie di patologie aggravate dalla malnutrizione. Sempre secondo l'accusa i tre familiari avrebbero "omesso di mettere in atto qualsivoglia condotta idonea a che la persona offesa ricevesse cure mediche, rifiutando in più occasioni tanto l'assistenza medica che quella psichiatrica in favore della medesima". Inoltre gli indagati hanno "consentito che vivesse in pessime condizioni igieniche", lasciando "che la stessa non si alimentasse, tanto da pensare 38 kg e, con tali condotte omissive, ne cagionavano la morte".

    [VAI ALLA PAGINA]

  • Riaperte le indagini sulla scomparsa di Mohammed Cherkaoui

    La Spezia, 14/10/2019 - La procura di La Spezia ha riaperto il procedimento relativo alla sparizione da Sarzana (La Spezia) dell'operaio edile egiziano. Il 29 settembre 2009 il 50enne aveva appuntamento con l'ex datore di lavoro Pierluigi Destri, che doveva pagargli circa 9000 euro tra arretrati e liquidazione. Nel 2013 Destri è stato poi condannato per il rapimento dell'imprenditore Andrea Calevo.

    [VAI ALLA PAGINA]