CLV

  • Identificata la donna nel Garigliano: Appello degli inquirenti

    Sessa Aurunaca (Caserta), 18/11/2019 - A seguito delle indagini svolte dai Carabinieri della Compagnia di Sessa Aurunca (Caserta), coordinati dalla procura di Santa Maria Capua Vetere, è stato identificato il cadavere trovato nel Garigliano il 10 ottobre. Si tratta di una donna nata in Romania nel 1968, Vinatoru Verginica. Gli inquirenti ne hanno diffuso nome e fotografia con un appello a "chiunque fosse in possesso di ulteriori notizie relative alla donna stessa". Il numero da contattare è 0823 938141.

    [VAI ALLA PAGINA]

  • Trovata senza vita l'anziana scomparsa nel Veneziano

    Venezia, 15/11/2019 - Trovata senza vita la 78enne scomparsa dalla provincia di Venezia il 13 novembre. Il corpo è stato trovato dai Vigili del Fuoco in un'area incolta nei pressi della sua abitazione. I familiari avevano lanciato un appello a "Chi l'ha visto?".

  • Eutanasia in Svizzera per donna catanese: Chiesto giudizio per Coveri di "Exit Italia"

    Catania, 14/11/2019 - Chiesto il rinvio a giudizio con l'accusa di istigazione al suicidio per Emilio Coveri, 70 anni, responsabile di "Exit Italia", associazione impegnata per il diritto all'eutanasia. Il provvedimento è stato emesso dalla procura di Catania per il caso della maestra elementare di Paternò deceduta ad aprile in una clinica svizzera che pratica il suicidio assistito. Lo ha reso noto il medico Silvio Viale, presidente del Comitato Etico-Scientifico di EXIT-Italia, che ha citato come fonte il settimanale 'Panorama'. "Secondo la richiesta della procura - scrive Viale - Emilio Coveri avrebbe determinato o comunque rafforzato il proposito di Alessandra. Come responsabile scientifico di Exit-Italia esprimo stupore per questa richiesta. Sono certo che il confronto tra Emilio e Alessandra sia stato nei limiti del dibattito su eutanasia e suicidio assistito tra i nostri soci, per cui Alessandra ha deciso in autonomia con piena autodeterminazione tempi e modi del propria morte. Peraltro le informazioni sulle procedure di Dignitas sono disponibili in italiano sul loro sito". "E' la prima volta - osserva ancora Viale - che Exit-Italia viene coinvolta direttamente. Noi speriamo che questa vicenda, come quelle di DJ Fabo, Davide Trentini, Daniela Cesarini, Pietro D'Amico e Oriella Cazzanello possa contribuire affinché ci possa essere anche in Italia una buona legge su eutanasia e suicidio assistito". "Non siamo stati in grado di fermare questa macchina della morte", aveva detto a "Chi l'ha visto?" il fratello della donna, dopo che i familiari si erano rivolti al programma credendola scomparsa.

    [VIDEO - Il caso nella puntata dell'8 maggio 2019]

  • Stefano Cucchi: Due Carabinieri condannati a 12 anni per omicidio

    Roma, 14/11/2019 - Sono stati condannati a 12 anni per omicidio preterintenzionale i due carabinieri Di Bernardo e D'Alessandro, accusati del pestaggio di Stefano Cucchi. Il pm aveva chiesto 18 anni. Dalla stessa accusa è stato assolto Francesco Tedesco, il terzo militare imputato ma anche testimone nel primo grado del nuovo proccesso, condannato a due anni e sei mesi per falso. Stesso reato contestato a Roberto Mandolini, comandante interinale della stazione Appia, condannato a 3 anni e otto mesi.

  • Grazie agli spettatori i ritrovamenti dopo l'ultima puntata di "Chi l'ha visto?"

    Grazie per averci seguito numerosi! Record di ascolti per "Chi l'ha visto?" che supera 2,1milioni di spettatori.

    Roma, 14/11/2019 - Grazie al pubblico che ha seguito gli appelli lanciati in diretta durante la trasmissione, dopo la puntata di ieri sera sono stati itrovati il 40enne scomparso da Trieste il 29 ottobre e il 38enne che si era allontanato dalla provincia di Chieti il 12 novembre. Sta bene anche la ragazza che si era allontanata da Roma, rintracciata in diretta durante il programma. Tutti i familiari ringraziano gli spettatori.

  • Ritrovata in diretta la ragazza scomparsa da Roma

    Roma, 14/11/2019 - Ritrovata, sta bene, la ragazza scomparsa da #Roma il 13 novembre in circostanze allarmanti. La madre aveva lanciato un appello in diretta a "Chi l'ha visto?" durante la puntata di ieri sera.

  • Nel 2019 la Polizia Ferroviaria ha ritrovato 740 persone scomparse. Importante la sinergia con "Chi l'ha visto?"

    Roma, 13/11/2019 - Dal mese di gennaio al mese di ottobre 2019 sono state 740 le persone scomparse rintracciate dalla Polizia Ferroviaria, di cui 634 minori. Nel 2018 i rintracciati sono stati 949 di cui 826 i minori non accompagnati. Ritrovato anche un uomo alla stazione ferroviaria di Pisa, scomparso da circa un anno dalla provincia di Terni. Gli agenti saliti a bordo di un treno proveniente da La Spezia avevano notato un uomo che appariva smarrito e bisognoso di assistenza. Dopo averlo soccorso sono risaliti alla denuncia di scomparsa che la sua famiglia aveva presentato. Gli Agenti, ha reso noto la Polfer, "hanno avuto la conferma che si trattasse della stessa persona solo grazie alla scheda web predisposta dalla trasmissione televisiva ''Chi l'ha visto''.

  • Trovato senza vita l'anziano scomparso dall'Aquila

    L'Aquila, 08/11/2019 - Trovato senza vita l'uomo di 83 anni scomparso dall'Aquila il 4 novembre. Il corpo è stato trovato a Montereale dai Vigili del Fuoco in un campo, poco distante da dove ieri era stata trovata la sua auto. I familiari avevano lanciato un appello a "Chi l'ha visto?".

  • Sta bene la mamma scomparsa un mese fa dal Palermitano

    Roma, 7/11/2019 - "Una bellissima notizia: Sta bene la mamma scomparsa un mese fa da Campofiorito (#Palermo). Ha contattato il suo avvocato dopo aver visto il disegno - appello della figlia mostrato ieri sera a 'Chi l'ha visto?'. L'annuncio di Federica Sciarelli con un video sui canali social del programma.


  • Esplosione ad Alessandria: trovati timer e bombola gas

    Alessandria, 05/11/2019 - Esplosione in una cascina a Quargnento (Alessandria) poco dopo la mezzanotte. Morti tre vigili del fuoco e ferito un Carabiniere. Sul posto sono stati trovati un timer per comando a distanza e una bombola di gas. "Questo ci fa pensare che l'esplosione sia stata voluta e deliberatamente determinata", ha dichiarato il procuratore capo di Alessandria Enrico Cieri che ha aperto una indagine per crollo doloso di edificio e omicidio plurimo.