CLV

Torna in HomeScomparsi
Scomparso

Gaetana Greco detta Tania

Sesso:F
Età:27 (al momento della scomparsa)
Statura:170
Occhi:castani
Capelli:biondi
Abbigliamento:un giaccone impermeabile nero con cintura, una sciarpa nera, un maglione scuro, blue jeans scuri, scarpe color cammello. Aveva una borsa in pelle color cammello e un paio di guanti di lana neri. Indossava una collana con una croce in metallo giallo con zirconi ed una pietra rossa al centro, orecchini a cerchio con zirconi
Scomparso da:Catania
Edizione:2001/2002
Data della scomparsa:02/01/2002
Data pubblicazione:08/01/2002

  • 2 aprile 2002

    Gaetana, chiamata Tania dagli amici e dai familiari, viveva a Catania con la madre ed i fratelli. La mattina del 2 gennaio la giovane è uscita di casa verso le undici per andare alla posta. Doveva fare un versamento per Rosario, il suo fidanzato, sul conto corrente che lui aveva aperto per mettere da parte i risparmi: da qualche mese i due ragazzi avevano deciso di sposarsi. All'una e mezzo Rosaria l'ha chiamata sul cellulare, lei stava uscendo dall'ufficio postale. Hanno avuto una breve discussione, Tania diceva di sentirsi depressa, poi ha chiuso la conversazione ed ha staccato il telefonino. La ragazza si è poi recata dalla mamma di Rosario per riconsegnarle il libretto: "Non ho potuto far niente - le ha detto - perché c'era troppa fila, ci ritornerò domani. Ora vado a casa". Da allora la ragazza è scomparsa. Tania viveva un profondo disagio psicologico; non riusciva a trovare un punto di equilibrio, di "normalità". "Si sentiva un peso per tutti", raccontano di lei. "Spero che ritorni al più presto - è l'appello del fidanzato - perché si possa avverare il nostro sogno: quello di sposarci".

  • 26 maggio 2003

    In tutti questi mesi la madre di Gaetana Greco ha provato a chiamare inutilmente il suo cellulare spento, fino a che il contratto è scaduto. Il fratello Mario ha detto: "La polizia non sta facendo più niente perché non ha più cosa fare, questo dicono a noi. Io tutto quello che sapevo l'ho detto". Il fidanzato Rosario non ha mai smesso di pensare a lei: "A volte vado nei posti che frequentavo con lei, penso ai momenti belli che passavamo insieme e mi metto a piangere. Quando parlo con le persone dico sempre che è la mia ragazza". L'ultima volta che l'aveva sentita al telefono gli aveva detto di sentirsi giù e di voler andare al mare a fare una passeggiata. Ai familiari, invece, Gaetana Greco aveva detto che sarebbe andata a pranzo a casa di Rosario, ma il fidanzato quel giorno si trovava a Siracusa. Non hanno dato alcun risultato nemmeno le ricerche svolte dalla capitaneria di porto di Catania, il cui capitano Giancarlo Russo ha riferito: "Non avendo elementi ben precisi su quello che poteva essersi verificato, per la parte di nostra competenza abbiamo iniziato le ricerche lungo il litorale antistante la città di Catania, proprio perché non c'era la determinazione di un punto dal quale la ragazza potesse aver maturato qualsiasi tipo di gesto. Senza alcuna costrizione esterna e senza tenere conto di correnti o di elementi meteomarini avversi, un corpo dovrebbe riemergere. Normalmente parliamo di 48 - 72 ore. Però non si può escludere che un fattore esterno possa aver bloccato il corpo sott'acqua. L'unica cosa che possiamo confermare è che non è stato trovato niente che possa essere ricondotto alla ragazza".

  • 11 gennaio 2010

    La madre Concetta è convinta che Tania non si è allontanata per sua scelta il 2 gennaio del 2002. Non avrebbe fatto nulla senza avvisarla e a otto anni di distanza si appella nuovamente a 'Chi l'ha visto?' nella speranza di riabbracciare sua figlia.