CLV

Torna in HomeScomparsi
Scomparso

Marcello Volpe

Sesso:M
Età:20 (al momento della scomparsa)
Statura:175
Occhi:castani
Capelli:castani
Abbigliamento:maglietta scura, jeans e scarpe da ginnastica Nike rosse con disegni bianchi e neri
Segni particolari:segni di acne giovanile sulle guance, una cicatrice nella parte interna del polso destro
Scomparso da:Palermo
Data della scomparsa:12/07/2011
Data pubblicazione:13/07/2011

Marcello Volpe, 20 anni, vive con la famiglia a Palermo, in zona Fiera del Mediterraneo. Alle 8 del 12 luglio, vigilia del suo ventesimo compleanno, è uscito dicendo al fratello che sarebbe andato presso il laboratorio di falegnameria dove è apprendista e che sarebbe rientrato dopo un paio di ore. Ma da quel momento non si hanno sue notizie e il suo cellulare risulta irraggiungibile. Non ha con sé alcun documento di riconoscimento.

  • 14 settembre 2011

    "E' un ragazzo molto timido ed introverso, poco intraprendente, per questo escluderei che possa essersi allontanato volontariamente", dice la madre di Marcello Volpe, che teme possa essergli accaduto qualcosa perchè da due mesi non sue notizie. Il giorno prima del suo ventesimo compleanno Volpe è uscito di casa con le chiavi e poco più di cinquecento euro in tasca. Sembrava tranquillo quando ha salutato il fratello e gli ha detto a che ora sarebbe rientrato. "Lui al compleanno ci teneva tantissimo, è molto legato alla sua famiglia. Era tutto pronto per i festeggiamenti. Temo che stia male, forse ha perso la memoria. Per questo conto molto sull'aiuto delle persone", ha aggiunto la madre. Durante l’estate sono arrivate molte segnalazioni da luoghi non lontanti da casa, in particolare Palermo, l’Arenella, Mondello, Cefalù, San Giuseppe Jato. Luoghi però che il giovane non era solito frequentare.

  • 12 ottobre 2011

    Un avvistamento è arrivato da San Severo (Foggia), dove quattro ragazzi sono convinti di averlo visto mentre chiedeva un euro ai passanti.

  • 15 dicembre 2011

    Una marcia di solidarietà per Marcello Volpe, il 20enne di cui non si hanno più notizie dal 12 luglio scorso, è stata organizzata, a Palermo, dai compagni di scuola del giovane, che frequentava l'Istituto d'Arte. Un corteo di studenti e corpo docente si è mosso da piazza Turba, dove si trova la scuola frequentata da Marcello Volpe, e si è diretto alla Cattedrale, dove è stata celebrata una messa. Presenti anche i genitori del giovane.

  • 15 maggio 2013

    [Video - La puntata del 15 maggio 2013]

  • 10 luglio 2017

    Roma, 10/7/2017 - "Chi è questo ragazzo? Non è mio figlio ma sicuramente è figlio di qualcuno che lo sta cercando... aiutiamolo a trovare la sua famiglia!", aveva scritto nella notte tra sabato e domenica la madre di Marcello Volpe sul suo profilo Facebook. Era da poco tornata da Madrid, dove era accorsa sperando che fosse suo figlio il ragazzo in difficoltà trovato dalla polizia, molto somigliante alle sue foto. "Quando l'ho incontrato e gli ho parlato, - continuava il post di Laura Zarcone - con gesti e poche parole scritte, mi ha augurato di ritrovare mio figlio Marcello, sperando di ritrovare anche lui sua madre. Mi ha colpito al cuore ed avrei voluto portarmelo a casa, anche se non era il mio Marcello". Prima della smentita, sui quotidiani locali, ripresi dalle agenzie e dalla stampa italiana, si era diffusa anche la notizia che si trattasse proprio di Marcello, scomparso a vent'anni il 12 luglio 2011 da Palermo. Purtroppo non è così, ma l'iniziativa di Laura Zarcone ha permesso a un'altra mamma di ritrovare il figlio. Dopo che ieri pomeriggio il suo post con la foto del giovane sconosciuto è stato condiviso sulla pagina Facebook di "Chi l'ha visto?", decine di migliaia di spettatori sono stati raggiunti dal suo appello. Subito alcuni hanno fatto notare la somiglianza con il 30enne studente ceco appassionato di yoga, per il quale i servizi consolari della Repubblica Ceca avevano pubblicato il 23 giugno un appello sul sito del programma. L'ipotesi dei genitori era che, dopo essersi allontanato a gennaio, fosse tornato a Napoli, dove era già stato per una borsa di studio. L'Ambasciata ceca, informata dalla redazione, ha confermato oggi l'identificazione e ringraziato il pubblico di "Chi l'ha visto?". "Grazie al vostro intervento che non si limita al territorio italiano ma va oltre i confini e diventa nel proprio senso internazionale, i genitori potranno dopo più di sei mesi rivedere il loro figlio. A nome della nostra Ambasciata e dei genitori vorrei esprimervi la mia profonda stima e gratitudine", ha scritto il Console dell'Ambasciata della Repubblica Ceca a Roma, Veronika Honcova. Immediatamente informate le autorità spagnole che si stanno prendendo cura del giovane, che sarà raggiunto dalla famiglia.