CLV

Torna in HomeScomparsi
Scomparso

Daniele Potenzoni

Sesso:M
Età:36 (al momento della scomparsa)
Statura:180
Occhi:castani
Capelli:rasato
Abbigliamento:una maglia tipo polo color salmone, un jeans (o un pantalone chiaro), scarpe da ginnastica blu con lacci arancioni
Segni particolari:una evidente malformazione al naso, il dente canino superiore destro mancante
Scomparso da:Roma
Data della scomparsa:10/06/2015
Data pubblicazione:10/06/2015

Daniele Potenzoni, 36 anni, risiede con i genitori a Pantigliate (Milano). Mercoledì 10 giugno era a Roma per andare all'udienza di Papa Francesco con un suo gruppo, guidato da tre accompagnatori e un volontario. Arrivati alla stazione Termini, alle 9 sono saliti su un treno della linea “A” della metropolitana, ma siccome non c’era abbastanza posto gli accompagnatori hanno chiesto a tutti di scendere per prendere quello successivo. Ma lui è rimasto sul treno che è partito e, nonostante le ricerche alle stazioni e nelle zone circostanti, non è stato ancora trovato. Non possiede un cellulare.

  • 2 luglio 2015

    Il disabile milanese scomparso il 10 giugno nella Capitale è stato riconosciuto dal padre nelle immagini della stazione Termini, messe a disposizione del suo legale, l’avvocato Gadaleta dell’Associazione Penelope, dalla Polfer e dal magistrato responsabile delle indagini. Alle 8:42 si vede Daniele Potenzoni, superare i tornelli e passare davanti alla telecamera di sorveglianza toccandosi con insistenza il naso con la mano sinistra, un gesto che lo rende riconoscibile e che ha dato al padre la conferma che si trattava proprio di lui. Poi esce dall’inquadratura dirigendosi verso i binari insieme agli altri viaggiatori, alcuni dei quali potrebbero forse averlo notato e ricordarsi di lui. Si tratta di immagini importantissime perché permettono finalmente di sapere come era vestito: sopra un jeans (o un pantalone chiaro) indossava una maglia tipo polo color salmone, non una scura come finora creduto.

  • 8 gennaio 2016

    "Questo ragazzo è di Milano e si è perso nella nostra città. Mi appello a tutti voi romanisti, aiutiamo la famiglia di Daniele a riportarlo a casa. Se lo incontrate per strada chiamate subito le forze dell'ordine. Non restiamo indifferenti, riportiamo a casa Daniele". Dopo l’incontro del Commissario Straordinario Tronca con i familiari, con questo messaggio del capitano della Roma Francesco Totti ai sostenitori della sua squadra la Capitale si è definitivamente “accorta” della scomparsa di Daniele Potenzoni, perso di vista il 10 giungo nella metropolitana dagli operatori che lo accompagnavano. Durante le prime decisive settimane delle ricerche, infatti, media e istituzioni locali non sembravano aver raccolto gli appelli che il padre di Daniele, Franco Potenzoni, aveva lanciato ripetutamente da “Chi l’ha visto?” insieme all’altro figlio Luca. Un elemento che forse ha contribuito a rendere inspiegabile il caso del 36enne sparito da mesi sotto gli occhi di tutti.

  • 27 gennaio 2016

    Durante l'ultima puntata Federica Sciarelli si è collegata in diretta con la stazione Termini della metropolitana di Roma dove, dopo il fermo della circolazione dei treni, sono scattate nuove ricerche di Daniele Potenzoni. Come chiesto dalla famiglia e da molti spettatori si è cerca nei cunicoli della stazione dove il giovane fu visto l’ultima volta il 10 giugno, nella speranza che non sia lì sotto ma sia vivo da qualche parte. Insieme al padre Franco e al fratello Luca l’inviato di “Chi l’ha visto?” Gianloreto Carbone. Nel frattempo il programma ha rintracciato in piazza Montecitorio l’uomo segnalato da uno spettatore, quasi un sosia di Potenzoni, che forse è la persona che da molti è stato scambiato per lui: “Non sono Daniele - ha detto a “Chi l’ha visto? – l’ho detto anche ad altri che mi hanno fermato strada”.

  • 2 marzo 2016

    Franco Potenzoni rinnova l’appello per il figlio Daniele, scomparso il 10 giugno scorso a Roma. Essendo trascorsi tanti mesi il suo aspetto potrebbe essere cambiato. Ecco perché ha diffuso due nuove foto di lui con i capelli più lunghi rispetto alle immagini riprese dalle telecamere della metropolitana il giorno della scomparsa. Il papà  di Daniele esclude invece che gli sia cresciuta la barba: " A fatica gli veniva su qualche peletto" dice a “Chi l’ha visto?”. Oltre alle nuove foto, ha reso noto anche un dettaglio fisico importante: a Daniele manca il canino superiore destro.

  • 24 maggio 2016

    Roma, 24/5/2016 - La procura della Repubblica ha chiesto il rinvio a giudizio per uno degli operatori, un infermiere, che il 10 giugno 2015 accompagnavano Daniele Potenzoni all’udienza del Papa. L’accusa è di abbandono di incapace. Chiesta invece l’archiviazione per l’altro infermiere indagato. La famiglia Potenzoni, attraverso il suo legale Gennaro Gadaleta, non si opporrà a quest’ultima richiesta.