CLV

Torna in HomeScomparsi
Scomparso

Laetitia Czuba

Sesso:F
Età:33 (al momento della scomparsa)
Nazionalità:francese
Corporatura:normale
Statura:170
Occhi:verdi
Capelli:biondi
Abbigliamento:jeans e maglietta bianca
Scomparso da:Frejus (Francia)
Data della scomparsa:25/09/2012
Data pubblicazione:08/10/2012

Laetitia Czuba , 33 anni, impiegata delle poste francese, la sera del 25 settembre doveva recarsi in auto da Frejus a Grasse, dove abita la nonna. Invece ha proseguito per l’Italia, fino a Ventimiglia (Imperia). Lì ha imboccato l’autostrada contromano in direzione di Genova. Una pattuglia della polizia stradale si è messa all’inseguimento ma non è riuscita a raggiungere la sua Volkswagen Polo, ritrovata nei pressi di Bordighera. Una telecamera a circuito chiuso l’ha ripresa mentre scavalcava un cancello e si dirigeva verso il mare. Sulla spiaggia sono stati ritrovati un paio di pantaloni e un reggiseno.

  • 17 ottobre 2012

    Laetitita Czuba vive da sola in un piccolo appartamento accanto a quello dei genitori. Nel tempo libero è istruttrice di nuoto ed ha frequentato la scuola di gendarmeria francese, rinunciando però a entrare nel corpo. Il 25 settembre ha aver trascorso qualche ora con un’amica. Poi, dopo che è saltato l’appuntamento con un’altra amica per cena, alle 20 ha chiamato la nonna che vive a Grasse a circa 50 km, annunciando il suo arrivo. Si è diretta invece nella direzione opposta, imboccando l’autostrada per Mentone, sulla quale probabilmente si è fermata per circa 20 minuti in una piazzola di sosta. Poi ha proseguito oltre il confine, fino a Ventimiglia, dove ha imboccato contromano l’Autostrada dei Fiori guidando in direzione Genova per 10 km in territorio italiano. Dopo le telefonate allarmate degli automobilisti, la polizia ha iniziato a cercare la Volkswagen Polo nera della donna, trovandola a Bordighera alle 22:30, chiusa a chiave e con i fari accesi davanti, ad un residence dove lei non era mai stata. Dopo aver scavalcato un cancelletto, ripresa dalle telecamere di sorveglianza, ha abbandona sulla spiaggia una sacca con alcuni indumenti e un sacchetto di farmaci. La sorella, il padre e alcuni amici si sono recati a Bordighera per seguire le ricerche. Senza esito i vigili del fuoco, la polizia e le unità cinofile hanno controllato il territorio, le gallerie e i boschetti adiacenti al residence, mentre i sommozzatori hanno scandagliato i fondali, gli anfratti e le insenature. Dai tabulati telefonici è risultata un’ultima telefonata alle 21:30, prima della sosta in autostrada, all’uomo con il quale ha una relazione, un messaggio vocale: “Mi sono persa”. Durante il giorno i due si erano scambiati numerosi messaggi. Due settimane prima della scomparsa Laetitita Czuba aveva ricevuto la chiamata di una donna che si era presentata come la moglie dell’uomo e l’aveva invitata a non contattarlo più.