CLV

Torna in HomeScomparsi
Scomparso

Michele Benazzi

Sesso:M
Età:26 (al momento della scomparsa)
Nazionalità:italiana
Statura:177
Occhi:castani
Capelli:castani
Segni particolari:Pizzetto rossiccio.
Scomparso da:Taglio di Po (Rovigo)
Data della scomparsa:10/03/2002
Data pubblicazione:19/03/2002

Michele Benazzi, 26 anni, vive con la sua famiglia a Taglio di Po (Rovigo). Da ottobre del 2001 insegna all'Istituto professionale di Stato di Porto Tolle (Rovigo), dove ha conosciuto una collega con la quale ha stabilito un rapporto di amicizia, che con il tempo si è trasformato in legame sentimentale. Ma la donna, originaria della provincia di Salerno, aveva già un fidanzato. La sera del 10 marzo 2002 Michele Benazzi è uscito di casa dopo cena; alle 22:30 è stato visto in un bar della piazza del paese. Proprio quella sera stessa, la compagna doveva incontrare il suo vecchio fidanzato, venuto apposta da fuori, per affrontare e decidere il futuro del loro rapporto che stava vivendo un momento di crisi. Alle 23:37 la ragazza ha chiamato Michele Benazzi al cellulare. I due hanno parlato al telefono per circa diciassette minuti. Da quando ha riattaccato nessuno ha saputo più niente di lui. La sua auto, una Fiat Punto verde metallizzata targata AJ 439 JM, non è stata ritrovata. La giovane, rintracciata telefonicamente dalla sorella dello scomparso, ha detto di non sapere che cosa possa essere accaduto al ragazzo anche perché il giorno della scomparsa, al telefono, lei gli avrebbe detto che con il suo fidanzato la relazione stava per concludersi.

  • 29 luglio 2002

    Michele era iscritto alla facoltà di Ingegneria all'università di Bologna. Dal 1995, aveva trovato un alloggio presso un convento di frati a Casalecchio di Reno. Nell'estate del 2000, aveva deciso di fare ritorno a casa dei suoi genitori: si sarebbe recato a Bologna solo per sostenere gli ultimi due esami, così aveva detto. Ma dopo la sua scomparsa, i familiari hanno scoperto che in realtà gli mancavano ancora cinque esami. Michele, che nel tempo libero aiutava suo padre nell'officina di elettrauto, forse non aveva avuto il coraggio di comunicare la sua difficoltà negli studi. I genitori sperano che il ragazzo, in un momento di debolezza, abbia deciso di allontanarsi. Il timore è che Michele sia rimasto vittima di un incidente stradale, finendo in uno dei tanti corsi d'acqua che si diramano per tutto il delta del Po. Dai controlli effettuati sui tabulati telefonici è risultato che al momento dell'ultima chiamata ricevuta sul cellulare Michele si trovava in una zona del comune di Taglio di Po, non distante dalla sua abitazione. Ma le ricerche effettuate finora nel fiume e nei canali non hanno portato ad alcun risultato.

  • 19 aprile 2004

    Durante la trasmissione è stato rinnovato l'appello per la sua scomparsa, in concomitanza con la fiaccolata organizzata per sabato 24 aprile a Taglio di Po (Rovigo), a cui partecipa anche l'associazione Penelope.