CLV

Torna in HomeMisteri
Scomparso

Serena Mollicone Il delitto di Arce

Data pubblicazione:16/06/2001

Il corpo di Serena Mollicone, la ragazza diciottenne misteriosamente scomparsa da Arce il 1 giugno 2001, è stato ritrovato due giorni dopo tra le sterpaglie, ai margini del boschetto di Anitrella, con le mani e i piedi legati e la testa infilata in un sacchetto di plastica. Secondo gli inquirenti, la giovane sarebbe stata colpita al capo - forse con una tavola di legno - in un altro luogo e poi trasportata nel bosco ancora in vita. Probabilmente, è morta dopo una lunga agonia, per asfissia. Sul corpo non sono stati trovati segni di violenza sessuale, né di colluttazione. Il giorno della scomparsa Serena non si era recata a scuola, per recarsi all'ospedale di Isola del Liri - 10 chilometri da Arce - dove ha effettuato una radiografia ai denti. Terminata la visita medica alle 9:30 la ragazza si è recata in una panetteria, e ha acquistato 4 porzioni di pizza e 4 cornetti, forse per dividere il cibo con altre persone. Poi probabilmente ha preso il pullman per ritornare ad Arce. Alle 13:15 sarebbe stata vista nella piazza principale del paese. Serena quel pomeriggio alle 14 doveva raggiungere il fidanzato a Sora, presso uno studio dentistico. Ma a quell'appuntamento la ragazza non si è presentata. Alle nove di sera il padre di Serena ha denunciato la scomparsa della figlia. Forse la ragazza aveva perso il pullman per Sora, e aveva accettato di andare con un automobilista di passaggio. Ma - dice chi conosceva la ragazza - doveva trattarsi sicuramente di un parente o di un amico: Serena non si sarebbe fatta accompagnare da uno sconosciuto. Il telefonino di Serena, che probabilmente aveva portato con sé il giorno della scomparsa, è stato ritrovato una settimana dopo da suo padre, in un cassetto della scrivania. Com'era finito lì? O la ragazza quel pomeriggio era ripassata per casa oppure qualcuno si sarebbe intrufolato nell'appartamento vuoto durante la veglia funebre per riportare il cellulare. Inquietanti interrogativi, che potrebbero nascondere una macabra messinscena per depistare le indagini. Serena potrebbe essere rimasta vittima di un maniaco, o essere morta per un incidente. In questo caso, l'involontario assassino, piuttosto che preoccuparsi di soccorrere la ragazza agonizzante, avrebbe pensato al modo per non essere riconosciuto come colpevole. Durante la trasmissione ha telefonato un uomo che avrebbe visto Serena a Isola del Liri intorno alle 11 di mattina, il giorno della scomparsa. La ragazza - ha detto il signore - stava mangiando una pizza al bar vicino alla cascata insieme a un'amica bionda. Le due giovani si sarebbero poi allontanate per andare verso il centro del paese, e sarebbero tornate indietro due volte per cercare sotto ai tavoli le chiavi del motorino che avevano perso.

  • 16 giugno 2001

    Il corpo di Serena Mollicone, la ragazza diciottenne misteriosamente scomparsa da Arce il 1 giugno 2001, è  stato ritrovato due giorni dopo tra le sterpaglie, ai margini del boschetto di Anitrella, con le mani e i piedi legati e la testa infilata in un sacchetto di plastica. Secondo gli inquirenti, la giovane sarebbe stata colpita al capo - forse con una tavola di legno - in un altro luogo e poi trasportata nel bosco ancora in vita. Probabilmente, è morta dopo una lunga agonia, per asfissia. Sul corpo non sono stati trovati segni di violenza sessuale, né di colluttazione. Il giorno della scomparsa Serena non si era recata a scuola, per recarsi all'ospedale di Isola del Liri - 10 chilometri da Arce - dove ha effettuato una radiografia ai denti. Serena quel pomeriggio alle 14 doveva raggiungere il fidanzato a Sora, presso uno studio dentistico. Ma a quell'appuntamento la ragazza non si è presentata. Alle nove di sera il padre di Serena ha denunciato la scomparsa della figlia. Forse la ragazza aveva perso il pullman per Sora, e aveva accettato di andare con un automobilista di passaggio. Ma - dice chi conosceva la ragazza - doveva trattarsi sicuramente di un parente o di un amico: Serena non si sarebbe fatta accompagnare da uno sconosciuto. Il telefonino di Serena, che probabilmente aveva portato con sé il giorno della scomparsa, è stato ritrovato una settimana dopo da suo padre, in un cassetto della scrivania. Com'era finito lì? O la ragazza quel pomeriggio era ripassata per casa oppure qualcuno si sarebbe intrufolato nell'appartamento vuoto durante la veglia funebre per riportare il cellulare. Inquietanti interrogativi, che potrebbero nascondere una macabra messinscena per depistare le indagini. Serena potrebbe essere rimasta vittima di un maniaco, o essere morta per un incidente. In questo caso, l'involontario assassino, piuttosto che preoccuparsi di soccorrere la ragazza agonizzante, avrebbe pensato al modo per non essere riconosciuto come colpevole. Durante la trasmissione ha telefonato un uomo che avrebbe visto Serena a Isola del Liri intorno alle 11 di mattina, il giorno della scomparsa. La ragazza - ha detto il signore - stava mangiando una pizza al bar vicino alla cascata insieme a un'amica bionda. Le due giovani si sarebbero poi allontanate per andare verso il centro del paese, e sarebbero tornate indietro due volte per cercare sotto ai tavoli le chiavi del motorino che avevano perso.

  • 18 giugno 2001

    Secondo i risultati degli esami autoptici, Serena Mollicone sarebbe morta nella notte tra venerdì e sabato 2 giugno. Ci sono tre testimoni - tra i quali il telespettatore che il 12 giugno ha telefonato a "Chi l'ha visto?" durante la trasmissione - che avrebbero riconosciuto Serena in compagnia di una sua amica tra le 11 e le 11:30 del 1 giugno 2001, a Isola del Liri. Queste  testimonianze però non concordano con quella di un autista della corriera che avrebbe visto Serena scendere ad Arce alle 11:25. La ragazza in questo caso sarebbe dovuta salire sulla corriera ad Isola del Liri intorno alle 10:45. Altrimenti, si potrebbe ipotizzare che Serena abbia raggiunto Arce con una macchina o a bordo di uno scooter, arrivando in paese alle 11:45. La testimonianza di una sua amica che l'avrebbe vista al mercato sul corso verso le 11:30 o mezzogiorno è molto attendibile. Forse Serena è andata a casa, si è cambiata, ha lasciato la tesina a cui stava lavorando per gli esami di maturità: quel giorno avrebbe dovuto cominciare a trascriverla sul computer della scuola, ma lì non risulta essere andata. Poi sarebbe uscita portando con sé la borsa, i libri, un capitolo della tesina e il suo cellulare, che però poteva soltanto ricevere. Il fidanzato ha cominciato a chiamarla alle 13:40, e ha continuato durante la giornata, senza però ricevere alcuna risposta. Nel luogo del ritrovamento del corpo sono stati ritrovati solo i libri e un capitolo della tesina: mancavano la borsa, le chiavi di casa - forse utilizzate dall'assassino per penetrare nell'abitazione e riportare il telefonino una settimana dopo - i documenti, l'orologio, gli orecchini e il cellulare. Proprio nel boschetto di Anitrella, alle 22:30 del 14 giugno, mentre gli operatori di "Chi l'ha visto?" stavano girando delle riprese, si sono imbattuti in un episodio singolare. Improvvisamente, è comparsa un'Alfa 75 di colore grigio metallizzato, simile a quella del padre di Serena. L'uomo a bordo dell'auto si è allontanato repentinamente, spengendo le luci per non farsi riconoscere. L'Alfa è stata poi fermata ad un posto di blocco dei carabinieri. Si trattava di un uomo di circa trent'anni, la cui identità resta sconosciuta .

  • 2 ottobre 2001

    Sul nastro adesivo che legava Serena è stato trovata un frammento di impronta digitale che potrebbe rivelarsi importante per individuare l'assassino o un suo eventuale complice. Gli inquirenti, ormai convinti che Serena sia stata uccisa da qualcuno che la ragazza conosceva bene, hanno già controllato le impronte digitali di molte persone che abitano nella zona. Si cerca anche di dare un'identità a un uomo che - secondo diverse testimonianze - avrebbe accompagnato Serena a scuola diverse volte con una macchina rossa. Un altro episodio è avvenuto nella casa della giovane uccisa: dieci giorni dopo il ritrovamento del telefonino, è stata rinvenuta nella stessa cassettiera una piccola quantità di hascish. Qualcuno dunque, per la seconda volta, sarebbe entrato nell'abitazione di nascosto. Il padre di Serena ritiene possibile che sua figlia sia stata coinvolta, forse inconsapevolmente, in un giro pericoloso, legato allo spaccio di stupefacenti. Ma questo strano ritrovamento potrebbe rivelarsi un ulteriore tentativo di depistare le indagini.

  • 6 novembre 2001

    Lo scorso luglio ad Arce è stata sequestrata una grande tenuta, nei pressi della strada che collega il paese con Ceprano, vicino al casello dell'autostrada Napoli-Roma. Sembra che all'interno della tenuta, che è di proprietà di un boss dell'hinterland napoletano, sia stata organizzata una grande festa alla quale hanno partecipato molte persone. Qualcuno, in quella occasione, si sarebbe preoccupato di invitare le più belle ragazze di Arce. E' proprio nei pressi di questa villa che sarebbe stata vista da un testimone Serena Mollicone. La ragazza era assieme ad una sua amica a bordo di un'automobile nera sportiva, guidata da un uomo. Secondo alcune indiscrezioni, gli inquirenti starebbero cercando di verificare con esattezza il giorno relativo a questa importante segnalazione. Il padre di Serena è convinto che sua figlia fosse stata coinvolta da qualcuno che conosceva bene in qualche malaffare. La giovane potrebbe essere stata utilizzata a sua insaputa per trasportare o consegnare della droga. Oppure potrebbe essere stata adescata in un giro di incontri tra ragazzine del paese e clienti facoltosi, durante feste particolari. Serena potrebbe essersi ribellata, provocando la violenta discussione sfociata nel fatale colpo alla tempia.

  • 25 marzo 2002

    Il 6 febbraio scorso, nel liceo psicopedagogico di Sora frequentato da Serena prima di morire, è stata notata una scritta su una porta dei bagni: "S. M., so chi ti ha ucciso. Per mò (adesso ndr) non posso parlare". Il preside ha riunito gli alunni, e li ha invitati a fornire indicazioni utili per scoprire l'autore di quella scritta, ma nessuno ha detto niente. L'amica di Serena, vista insieme a lei a bordo di un'auto nera sportiva, che in un primo momento aveva negato di conoscere l'uomo alla guida della vettura, avrebbe ammesso ora di averlo frequentato. Perché aveva mentito? Ai Carabinieri è stata affiancata la Digos di Frosinone, con l'ausilio degli specialisti dell'unità di analisi del crimine violento sotto il coordinamento della procura di Cassino. Le indagini si stanno indirizzando proprio su quegli ambienti che in paese gestivano il fiorente affare del traffico degli stupefacenti, del traffico della prostituzione e di un giro nascente di ragazzine da offrire a clienti facoltosi. In paese ci sarebbe una persona che avrebbe notato nell'auto sportiva alcuni rotoli di scotch; questa persona se ne sarebbe fatto regalare uno. Il rotolo potrebbe essere confrontato con quello usato dagli assassini della ragazza per legarle i polsi e le caviglie, la notte tra il due e il tre giugno dell'anno scorso.

  • 25 maggio 2002

    Negli ultimi giorni gli inquirenti della procura di Cassino, che coordinano le indagini affidate alla squadra mobile di Frosinone, agli esperti dell'unità di analisi del crimine violento della polizia ed ai carabinieri, hanno tenuto un importante vertice. Sembra che le indagini sull'omicidio di Serena nell'ultimo periodo abbiano fatto emergere contraddizioni e reticenze. Alcune persone, già ascoltate a suo tempo, avrebbero mentito in diverse occasioni. Nei mesi passati ad Arce sono state individuate dagli inquirenti diverse attività illecite: commercio di prodotti falsificati, traffico di droga, sfruttamento della prostituzione. Forse in quest'ambiente criminale sono stati trovati riscontri che potrebbero risultare utili per scoprire gli autori dell'omicidio della ragazza.

  • 4 giugno 2002

    Il primo giugno, ad Arce, è sfilata una lunga fiaccolata che ha percorso le strade del paese. La fiaccolata è stata organizzata dal Coordinamento giovani di Arce, un'organizzazione trasversale che raccoglie i ragazzi di tutte le tendenze politiche. Si sono impegnati a lungo per questa manifestazione. Per loro, il ricordo di Serena è indissolubilmente legato al bisogno di legalità. Su un loro striscione c'era scritto: "La tua giustizia, la nostra libertà".

  • 23 settembre 2002

    All'inizio del mese è stato ultimato il rapporto dell'Unità di Analisi Crimini Violenti della polizia che evidenzia elementi oggettivi in base ai quali sarebbe stato individuato l'uomo che avrebbe assassinato Serena Mollicone. Sembra anche che sia stato rinvenuto in possesso della persona sospettata un biglietto scritto dalla ragazza. Inoltre c'è una novità rispetto alla prima perizia medico legale: Serena Mollicone sarebbe stata uccisa nel primo pomeriggio di venerdì 1 giugno e lasciata nel bosco la sera stessa e non nella notte tra sabato e domenica come inizialmente si sosteneva.

  • 16 dicembre 2002

    Le indagini continuano e nuove ipotesi si fanno strada. Cosa è accaduto quel venerdì 1 giugno non è ancora certo. Da subito si sono registrati una serie di episodi depistanti, con diverse persone attivatesi immediatamente nelle ricerche. Il padre di Serena ha riferito che una persona aveva detto di avere visto Serena alle 16,30 del pomeriggio del 1 giugno, in un bar davanti al boschetto in cui fu trovata due giorni dopo. Secondo il racconto, la ragazza era stata spinta da un uomo all'interno di un'auto rossa. Proprio la persona che ha fatto queste dichiarazioni è stata sospettata di avere partecipato all'omicidio e alla macabra messa in scena del ritrovamento. In casa di quest'uomo, un artigiano di Arce, era stato rinvenuto un biglietto riguardante la ragazza. Inoltre l'alibi fornito per quella giornata, in seguito, era risultato totalmente falso. L'uomo dell'auto rossa avrebbe condotto Serena in un luogo dal quale, qualche ora dopo, è uscita priva di vita. Dove si erano diretti? Forse l'uomo doveva presentare la ragazza ad un'altra persona? "Serena non avrebbe mai offerto il suo corpo per denaro. Non l'avrebbe mai fatto perché era abituata ad accontentarsi delle cose che la vita le dava. Sicuramente è rimasta offesa da questa proposta. Anzi, avrà sicuramente detto - Adesso basta, mi sono stufata, fino ad ora non ho detto niente a papà di queste cose, ma adesso basta. C'era un giro di prostituzione che non veniva osteggiata, anzi veniva quasi protetto", ha dichiarato il padre della Mollicone. Esiste un legame tra le persone che gestivano questi affari e la tragica fine di Serena?

  • 13 febbraio 2003

    Giovedì 6 febbraio 2003 gli uomini della Squadra Mobile di Frosinone hanno arrestato Carmine Belli, un uomo di 36 anni residente ad Arce. Secondo gli inquirenti sarebbe l'assassino di Serena Mollicone.

  • 12 luglio 2004

    Dopo quasi un anno e mezzo trascorso in carcere, Carmine Belli è stato assolto. Il Pubblico Ministero aveva chiesto per lui 23 anni di reclusione. Belli ha dichiarato di conoscere Serena Mollicone solo di vista e che il bigliettino del dentista trovato in suo possesso non riportava né il suo nome né il suo cognome, ipotizzando di averlo trovato nell'auto di qualche cliente che poteva avere in comune lo stesso dentista. Rispetto alla smentita del suo alibi che il socio ha fatto davanti alla Corte d'Assise, Belli se ne è detto stupito. Inoltre ha minimizzato la sua conoscenza del luogo dove è stato ritrovato il corpo della ragazza, perché secondo lui è frequentato da molti. Infine Belli ha rivolto un appello a Guglielmo Mollicone a non considerarlo l'assassino della figlia. Il padre di Serena Mollicone resta però convinto della sua colpevolezza e del fatto che abbia goduto di coperture: "Combatterò contro chi ha fatto questa cosa e anche e soprattutto contro chi lo ha aiutato a coprire e depistare. Io non ho paura, lotterò fino alla fine. Se mi dovesse succedere qualcosa ho già informato gli inquirenti su chi potranno essere i mandanti", ha dichiarato.

  • 22 novembre 2004

    Sono state depositate le motivazioni della sentenza di assoluzione di Carmine Belli, lette le quali la Procura di Cassino (Frosinone) ha deciso di ricorrere in appello. Per i giudici Serena Mollicone sarebbe stata trattenuta in un casolare non ancora localizzato per quasi tutta la giornata del 1 giugno 2001, fino alle prime luci dell'alba, quando il suo corpo sarebbe stato trasportato nel boschetto dove è stato trovato. Il buco di tre ore nell'alibi di Belli non è stato ritenuto sufficiente a compiere a raggiungere la vittima, commettere il delitto e occultare il cadavere. Per l'accusa i dodici elementi indiziari a carico del carrozziere, caduti a uno a uno in fase dibattimentale, assumerebbero un significato se considerati complessivamente. Il padre della ragazza assassinata, amareggiato, ha ribadito le sue denunce su un clima di lassismo che avrebbe permesso ad Arce, all'epoca del delitto, una serie di traffici illeciti, alcuni responsabili dei quali potrebbero essere coinvolti nell'omicidio.

  • 14 febbraio 2005

    La Procura di Cassino (Frosinone) è ricorsa in appello contro la sentenza che ha assolto Carmine Belli. Guglielmo Mollicone, padre di Serena, è intervenuto durante la trasmissione ricostruendo la sua plateale convocazione alla caserma dei Carabinieri durante la cerimonia funebre per la figlia. "Il maresciallo Mottola, al processo, ha detto di non ricordare chi gli avesse impartito l'ordine. Avrei dovuto firmare l'atto relativo al rinvenimento del telefonino, avvenuto nella notte. Credevo sarebbero bastati cinque minuti, invece mi hanno fatto attendere tre ore nel corridoio della caserma, mentre la bara di mia figlia era in chiesa. Quel giorno le indagini sono state spostate da Carmine Belli a me e alla mia famiglia", ha ricordato il padre della ragazza assassinata, che ha aggiunto: "Il telefonino è risultato privo di impronte digitali, anche delle mie che pure lo avevo consegnato. Non solo il telefonino ma anche un pezzo di hashish è stato trovato tra le cose di Serena dopo che già c'era stata una perquisizione". Guglielmo Mollicone ha ribadito di non aver paura di condurre la sua battaglia perchè venga trovato e punito chi ha ucciso la figlia e ha dato il suo plauso al nuovo impegno delle forze dell'ordine nel territorio di Arce.

  • 31 gennaio 2006

    Dopo quattro anni e mezzo è ancora senza nome il killer di Serena Mollicone, la studentessa diciottenne di Arce (Frosinone) morta per asfissia dopo essere stata imbavagliata, legata con il fil di ferro e abbandonata in un bosco. Anche per la Corte di assise di appello di Roma non è il carrozziere Carmine Belli, 39 anni, il responsabile di quel barbaro omicidio. Una decisione, quella di assolvere l' imputato, che ricalca la sentenza emessa il 7 luglio 2004 dalla corte di assise di Cassino. (ANSA)

  • 19 maggio 2008

    Dopo la morte di Santino Tuzzi, il brigadiere dei Carabinieri che aveva partecipato alle indagini sul delitto di Serena Mollicone, un altro carabiniere che aveva lavorato agli ordini dell'allora Maresciallo di Arce è stato trasferito per la seconda volta consecutiva. Entrambi erano stati recentemente sentiti dagli inquirenti che hanno riaperto l'inchiesta sul caso. Il mistero della morte di Serena Mollicone ha sempre destato il sospetto che qualcuno potesse avere agito per impedire agli indizi di emergere e per depistare le indagini sull'accaduto. I Carabinieri, coordinati dalla Procura di Cassino (Frosinone), starebbero concentrando l'inchiesta proprio su tale regia occulta. Sembra che il brigadiere Tuzzi, nel suo colloquio con gli inquirenti, abbia fornito molti particolari riguardo movimenti verificatesi nel primo pomeriggio del giorno della sparizione di Serena Mollicone. Subito dopo il rinvenimento del corpo del brigadiere Tuzzi, inoltre, un amico aveva affermato che l'uomo gli aveva rivelato che sarebbe stato il maresciallo Mottola a riportare nell'abitazione della ragazza il suo cellulare. Ma in seguito aveva ritrattato. Secondo due testimoni, la mattina del 1° giugno 2001 Serena Mollicone sarebbe andata insieme al figlio del Maresciallo al bar Chioppetelle, un bar tra Isola del Liri e Arce, che dista 700 metri dal boschetto in cui il corpo della ragazza è stato rinvenuto. Il primo testimone è Carmine Belli, il carrozziere accusato dell'omicidio della ragazza ma assolto nei tre gradi di giudizio, che aveva da subito asserito di avere visto Serena Mollicone discutere nel bar con un "biondino" e che aveva descritto precisamente l'abbigliamento della ragazza. L'altra testimone è una barista che aveva affermato, ma in seguito ritrattato, di avere visto arrivare la studentessa in compagnia del figlio del maresciallo Mottola, a bordo della Lancia Y10 bianca di quest'ultimo, per acquistare un pacchetto di Marlboro light.
    Il figlio del maresciallo Mottola, sentito dalla Procura di Cassino il 2 maggio 2002, disse di avere visto l'ultima volta Serena Mollicone alla festa di Sant'Eleuterio ad Arce, il 29 maggio 2001, gli sembrava in compagnia di alcune amiche, e di non avere partecipato alle sue ricerche. Egli dichiarò di possedere una Lancia Y10 bianca targata SP e di fumare le Marlboro light solo da poco, mentre nel 2001 fumava le Marlboro rosse. Non escluse di poter essere stato in quel bar la mattina dell’1° giugno 2001, ma non ricordò se in compagnia di qualcuno: in quest’ultima eventualità sarebbe stato più probabile che si fosse trattato della sua ragazza. La Lancia Y10 del giovane era stata esaminata nel gennaio del 2002 e in quell'occasione non era risultato nulla. Tuttavia, gli inquirenti starebbero verificando se l'auto analizzata fosse la stessa Lancia Y10 usata quando scomparve Serena Mollicone. Secondo il legale dell'ex comandante dei Carabinieri di Arce, avv. Francesco Germani, alcune recenti affermazioni sarebbero prive di qualsiasi fondamento. Il Maresciallo non avrebbe mai portato il cellulare di Serena Mollicone nell'abitazione della ragazza. Dopo la morte di quest'ultima e terminato l'anno scolastico, il figlio si sarebbe allontanato da Arce per andare a trovare i suoi parenti e la sua Lancia Y10 avrebbe circolato regolarmente per molto tempo, per essere poi rottamata tra il 2005 e il 2006.

  • 15 aprile 2009

    Sono in corso i rilievi del Ris dei carabinieri di Roma sull'auto che il brigadiere Tuzzi aveva venduto dopo l’omicidio di Serena Mollicone. Il sospetto è che possa essere stata utilizzata la notte di sabato 2 giugno 2001 per spostare il corpo della ragazza dal luogo delitto. Sulla ubicazione di quest'ultimo si fanno ora inquietanti ipotesi, alla luce di quanto sta emergendo dopo il suicidio di Tuzzi, che era stato subito collegato alla vicenda. In primo piano resta sempre il ruolo del suo superiore, il maresciallo Mottola, ora congedato dall'Arma, e del figlio di questi. Era a scuola la ragazza che il giovane aveva dichiarato essere con lui la mattina di venerdì 1 giugno al bar Chioppetelle, per smentire che si trattasse di Serena Mollicone, come indicato da testimoni. È stata lei stessa a rivelarlo oggi, con il supporto dei registi scolastici.

  • 20 maggio 2009

    Gli esami effettuati dal RIS, il raggruppamento investigazioni scientifiche dei carabinieri, sulla Opel Vectra sw, appartenuta al brigadiere Santino Tuzzi, il militare in servizio ad Arce, quando Serena Mollicone fu uccisa, hanno dato esito negativo. All’interno del bagagliaio dell’auto, che nel corso di questi ultimi anni era stata utilizzata da diversi proprietari, non sono state rinvenute tracce biologiche riconducibili a Serena. Gli inquirenti ritengono comunque che l’Opel Vectra potrebbe ugualmente essere stata usata per trasportare il corpo della ragazza. Il brigadiere Tuzzi l’anno scorso si era tolto la vita, dopo essere stato interrogato per ore durante le nuove indagini sull’omicidio di Serena.

     

  • 24 giugno 2009

    Nei giorni scorsi é arrivata in redazione una lettera anonima di un telespettatore che dice avere nuovi, importanti elementi sulla morte di Serena Mollicone.Nel corso dell’ultima puntata, la conduttrice Federica Sciarelli ha chiesto al mittente della lettera di farsi vivo e contattare la redazione.

     

     

  • 8 luglio 2009

    La persona che ha scritto la lettera alla nostra redazione, sostiene di aver visto due persone, una piú grande, l’altra piú giovane che avrebbero tirato fuori dal cofano di una utilitaria un sacco di plastica nero. I due avrebbero abbandonato il corpo senza vita di Serena Mollicone nel bosco di Fonte Cupa, in località Anitrella. Il brigadiere Tuzzi nell’aprile 2008 si era tolto la vita sparandosi un colpo al petto, dopo che era stato interrogato a lungo nel corso delle nuove indagini sull’omicidio di Serena Mollicone. Sembra che pochi giorni prima avesse fatto agli inquirenti un’ importante rivelazione che oggi potrebbe dare una svolta decisiva alle indagini. Tuzzi avrebbe sostenuto che quel venerdì primo giugno del 2001, avrebbe visto Serena tra le ore 11 e le ore 12 esattamente nei pressi della caserma dei carabinieri di Arce. Lí oltre gli uffici della stazione, ci sono anche gli alloggi di servizio del comandante e altri carabinieri. Serena quindi si sarebbe trovata in quel punto, lontana dalla sua abitazione, poco prima di sparire

  • 12 marzo 2010

    Carmine Belli mentì agli investigatori e per questo non ha diritto al maxi-risarcimento per ingiusta detenzione - pari a 160mila euro - per i 17 mesi passati in carcere tra il 2003 e il 2004 come indiziato per l'omicidio di Serena Mollicone, la ragazza di Arce, in provincia di Frosinone, ritrovata morta il 1 giugno del 2001. Lo sostiene la quarta sezione penale della Cassazione, annullando con rinvio l'ordinanza con cui la Corte d'appello di Roma aveva stabilito l'ingente indennizzo per il carrozziere, assolto in via definitiva da ogni accusa. Belli, pero', ricorda la Suprema Corte, ha avuto una condotta processuale caratterizzata non solo dal "contrasto tra le dichiarazioni" rese, ma anche "dal mendacio, avendo egli negato di avere mai conosciuto la vittima, di una prospettazione di un alibi falso e dalla induzione di un teste a rendere dichiarazioni conformi alle sue". Per gli 'ermellini', "tali comportamenti - si legge nella sentenza n.9978 - non sono stati per nulla esaminati dal giudice della riparazione che avrebbe, viceversa, dovuto approfondirli al fine di accertare se essi avessero potuto assumere il rilievo della colpa grave o del dolo, ostativi al riconoscimento del diritto alla riparazione, per avere con tale condotta in qualche modo contribuito il Belli, sia pure in concorso con l'errore degli inquirenti, a prospettare in quadro indiziario significativo ai fini dell'adozione o del mantenimento del provvedimento custodiale". Carmine Belli aveva negato di aver fatto salire Serena Mollicone, il giorno in cui fu uccisa, a bordo della sua auto, per poi ammettere invece di averlo fatto e di averla accompagnata, come spesso accadeva: secondo la Corte d'appello, il contrasto tra le due  dichiarazioni era "irrilevante" e "non significativo in direzione dell'esclusione del diritto all'indennizzo, in quanto giustificato dal particolare clima del momento". Tale tesi, dunque, non è stata condivisa dalla Cassazione che ha invece accolto il ricorso presentato dall'Avvocatura generale dello Stato, in rappresentanza del ministero dell'Economia. I giudici d'appello della Capitale dovranno ora riesaminare la questione.

  • 1 giugno 2010

    Per la figlia di Santino Tuzi il il padre non si sarebbe ucciso a causa di una delusione d'amore. Santino Tuzi era il brigadiere di Arce che si suicidò due giorni dopo aver dichiarato ai magistrati di aver visto Serena Mollicone, il giorno della scomparsa, il 1 giugno 2001, entrare nella caserma dei carabinieri verso le 11.30 del mattino. ''Penso che mio padre durante le indagini - sostiene la figlia del carabiniere - ha assistito a qualcosa, ha saputo qualcosa, e gli è stato detto di non rivelare niente. Mio padre non è riuscito a tenersi tutto dentro, e ha deciso forse di chiudere la sua vita in questo modo. Forse era stato  minacciato, forse dalla stessa persona che gli aveva chiesto di non dire niente. Forse le minacce erano anche nei nostri confronti, poteva succederci qualcosa. Forse per proteggerci ha deciso di suicidarsi''.

  • 7 giugno 2010

    Un telespettatore anonimo ha scritto in un sms giunto in redazione: “Controllate se la foglia trovata sotto il calzino destro di Serena è simile a quelle intorno alla caserma C.C e al carcere. Eurospin isola liri 1 giugno 2001”. Il medico legale, che ha fatto l’autopsia su Serena Mollicone, sostiene che si tratti di una foglia del boschetto dell’Anitrella, ovvero del luogo in cui è stata lasciato il corpo di Serena. Anche un altro messaggio ci chiedeva: “attenzionate chi aveva chiavi ex carcere e passaggio pedonale da caserma c.c a ex carcere (non la strada per veicoli ). mattina 1 giugno Mottola Marco Eurospin”. All’Eurospin di Isola del Liri i venditori afefrmano di non aver mai venduto del fil di ferro e nastro isolante.  Le chiavi del carcere abbandonato di Arce, sono sempre state custodite dalla polizia municipale perché i locali venivano utilizzati come magazzino.

  • 14 luglio 2010

    Si continua ad indagare sull'omicidio di Serena Mollicone, la ragazza di 18 anni trovata morta ad Arce (Frosinone) nove anni fa. Un delitto irrisolto sul quale ora la Procura di Cassino avrà altri tre mesi di tempo per scavare: la proroga di tre mesi delle indagini è stata decisa dal Gip presso la Procura di Cassino, accogliendo la richiesta del legale della famiglia della vittima, dopo che il pubblico ministero ne aveva chiesto l'archiviazione. "Ho sempre creduto che questo caso non potesse essere archiviato'' ha commentato Guglielmo Mollicone, padre di Serena Mollicone. 

  • 13 dicembre 2010

    Una villa comunale dedicata a Serena Mollicone. Ieri sera, alle ore 18, ad Arce, prenderà il via la  cerimonia di inaugurazione della nuova villa comunale dedicata alla diciottenne uccisa a giugno del 2001 e per la cui morte ancora non è stato individuato l'assassino. La dedica, fortemente voluta dal padre Guglielmo, è stata abbinata al sito www.serenamollicone.it.

  • 1 giugno 2011

    "Stiamo ancora ascoltando testi e, certamente, l'inchiesta non è stata chiusa". Così il procuratore capo di Cassino Mario Mercone risponde alla domanda relativa alla morte di Serena Mollicone, la 18enne di Arce trovata caradavere il primo giugno di 10 anni fa in un boschetto a l'Anitrella. Oggi sono passati 10 anni da quel ritrovamento e il mistero sembra ancora ben lontano dall'essere risolto anche se il procuratore dice: "Sono circa 30 le persone che stiamo ascoltando, alcune sono del posto, altre le riteniamo informate sui fatti". A proposito dei tempi dell'inchiesta dice: "Non conosco il futuro, ma solo il passato e il presente"

  • 27 giugno 2011

    Cinque persone sono state iscritte sul registro degli indagati per l’omicidio e l’occultamento del cadavere di Serena Mollicone, la studentessa  diciottenne di Arce (Frosinone) scomparsa il 1 giugno 2001 e ritrovata uccisa due giorni dopo. Una nuova pista porta gli inquirenti a indagare sull’ex fidanzato di Serena, Michele Fioretti e sulla madre di questi, Rosina Partigianoni, sull’ex maresciallo dei carabinieri Franco Mottola, su suo figlio Marco e un altro carabiniere, Francesco Suprano. Tutti e cinque gli indagati saranno sottoposti al test del Dna. Già a marzo di quest’anno le indagini avevano avuto un nuovo impulso. Due lettere anonime recapitate al quotidiano “la Provincia” avevano fatto riaprire il caso. L’anonimo autore aveva riportato un lungo elenco di verifiche, di imput, di motivazioni che spinsero la procura della Repubblica a riaprire le indagini. Nelle lettere, dove veniva descritta una presunta scena del crimine, si rivendicavano alcuni sms scritti in passato a “Chi l’ha visto?”.

  • 29 giugno 2011

    Dopo 10 anni dalla morte di Serena Mollicone, cinque anni dopo l'assoluzione definitiva del carrozziere Carmine Belli, tre anni dopo il suicidio del brigadiere dei carabinieri Santino Tuzi e due anni dopo la richiesta di archiviazione dell'indagine contro ignoti, cinque persone sono indagate per l'omicidio della ragazza di Arce. A ognuna di loro verrà prelevato alla metà di luglio il Dna, che verrà messo a confronto con i vestiti di Serena Mollicone, con i suoi libri e quaderni, ritrovati sparpagliati intorno al cadavere, con la busta del supermercato, lo scotch e il fil di ferro usati per trovati sul corpo.
    Marco Mottola è tra i cinque indagati. Potrebbe essere sua la voce che all'interfono disse al brigadiere Tuzi di far salire Serena Mollicone all'appartamento del padre maresciallo. Anche quest’ultimo è indagato: all’epoca dei fatti era il comandante della stazione dei carabinieri di Arce. Il maresciallo fu verrà trasferito un anno dopo, ma su restarono forti sospetti, tant'è che nella richiesta d'archiviazione del 2009 si ipotizza a suo carico “una eventuale attività di depistaggio, risalente al post-delictum”; si cerca di “verificare (...) un qualche coinvolgimento, diretto o indiretto, ad es. a titolo di favoreggiamento personale”. La procura ha sottolineato inoltre le “molteplici negligenze e carenze che caratterizzano la conduzione delle immediate indagini” come la mancata stesura di verbali delle prime testimonianze. Si è ipotizzato anche “la eventualità di alterazioni negli ordini di servizio dei Carabinieri di Arce relativi al giorno 1 giugno 2001”. Si è rimproverato al maresciallo Mottola “l'occultamento del possesso del figlio Marco di una Lancia Y e dell'uso di stupefacenti”, cancellature e alterazioni dei registri della caserma, addirittura la “scomparsa del memoriale del servizio giornaliero 2001”.
    Indagato anche un altro carabiniere, Francesco Suprano, nel 2001 in servizio ad Arce come appuntato. Partecipò con il comandante Mottola e il brigadiere Tuzi alle primissime indagini.
    Sono indagati anche Michele Fioretti, il fidanzato di Serena Mollicone, e la madre di lui, Rosina Patrigianoni. La dr.ssa Conticelli, il medico legale che fece l'autopsia, notò alcune cose: i capelli bagnati, come lavati e altri particolari che facevano pensare ad una mano femminile.
    Fioretti fu tra i primissimi sospettati, Ma il giorno della scomparsa ha cercato la ragazza dappertutto e prima era stato a fare la spesa con sua madre. Venne presto escluso dalle indagini, quando l'attenzione si spostò su Guglielmo Mollicone, papà di Serena.
    A tutt'oggi sull'arma del delitto, sui tempi e i luoghi dell'omicidio, non vi sono certezze. Sul fil di ferro fu trovato del Dna, ma le analisi hanno appurato che si tratta di quello di un carabiniere del Ris di Roma che lo stava analizzando. Oggi questa ipotesi è messa in dubbio, ed è ipotizzata l’eventuale presenza di altre tracce  sullo stesso fil di ferro, sul sacchetto di plastica e sui vestiti della vittima. Tanto che è stato disposto un incidente probatorio dalla procura di Cassino.

  • 5 luglio 2011

    Si terrà il 21 luglio l'esame per l'accertamento del Dna sulle cinque persone indagate per l'omicidio di Serena Mollicone. A doversi presentare davanti al gip, Angelo Valerio Lanna, per l'incidente probatorio, saranno l'ex maresciallo della caserma di Arce, Franco Mottola, il figlio Marco, il carabiniere Francesco Suprano, l'ex fidanzato di Serena, Michele Fioretti e la madre di quest'ultimo, Rosina Partigianoni. I cinque hanno avuto un'imputazione alternativa per omicidio volontario, con l'aggravante della crudeltà e dell'occultamento di cadavere. Nel frattempo la famiglia Mollicone, attraverso l'avvocato Dario De Santis e l'ex comandante dei Ris, il generale Luciano Garofano, sta proseguendo nell'acquisizione degli elementi necessari a dover fornire una perizia di parte al gip nel giorno del prelievo del Dna.

  • 19 luglio 2011

    Secondo quanto riporta l'agenzia Ansa sono diventati sei gli indagati per l'omicidio di Serena Mollicone, la studentessa di Arce trovata morta i primi giorni di giugno del 2001 in un boschetto di Anitrella, nel Frusinate. Alle prime cinque persone sottoposte a indagini si è aggiunta la moglie dell'ex maresciallo Franco Mottola. L'inchiesta sul giallo di Arce, condotta dal procuratore capo di Cassino Mario Mercone, entra dunque in una fase cruciale. Con l'udienza per l'incidente probatorio fissata dal gip  Angelo Valerio Lanna, per il prossimo 27 luglio. Anche per la sesta persona indagata l'ipotesi di reato è di omicidio volontario e occultamento di cadavere. Come le altre cinque persone, anche la moglie dell'ex maresciallo sarà sottoposta al test del Dna. Il loro profilo genetico sarà poi comparato con quello trovato sugli indumenti di Serena Mollicone.

  • 27 luglio 2011

    Cominceranno il 16 settembre i prelievi del Dna ai sei indagati per l'omicidio di Serena Mollicone. Si tratta dell'ex fidanzato di Serena Mollicone, Michele Fioretti e la madre Rosina Partigianoni, l'ex maresciallo dei carabinieri, Franco Mottola e sua moglie, il figlio Marco e un altro carabiniere, Francesco Suprano. Il loro profilo genetico sarà comparato con quello trovato sugli indumenti di Serena ma anche sullo nastro adesivo e il fil di ferro usato per legare il corpo. L'incarico per la perizia è stato affidato al professor Giuseppe Novelli, dell'Università di Tor Vergata di Roma. È questo l’esito della prima udienza per l'incidente probatorio sul delitto di Arce fissata dal gip Angelo Valerio Lanna al tribunale di Cassino, durata circa due ore.  “I miei assistiti sono stati presenti in aula  perché non hanno nulla da nascondere”. Così l'avvocato  Armando Pagliei, difensore dell'ex fidanzato di Serena Mollicone, Michele Fioretti e di sua madre Rosina Partigianoni, all'uscita del tribunale. “Per dieci anni - aggiunge l'avvocato -  i miei assistiti non sono mai scappati, non si sono mai sottratti a nulla e sono stati sempre disponibili alle esigenze degli inquirenti. Siamo sicuri che alla fine la verità emergerà”.

  • 18 novembre 2011

    Si allungano ancora i tempi per il test del Dna  disposto dalla procura di Cassino per l'omicidio di Serena Mollicone, Nella sede della polizia scientifica a Roma, non si è potuto procedere, come previsto, al prelievo sui reperti. Davanti al prof. prof. Giuseppe Novelli, primario all'Università di Tor Vergata, al quale la procura di Cassino ha affidato l'esame biologico, sono stati aperti i plichi con i reperti e si è proceduto a riordinare  e fotografare tutto il materiale. L'operazione è andata avanti per un paio di ore e si è conclusa intorno alle 17. Per il 5 dicembre è fissato un nuovo incontro per il controllo delle impronte digitali. Il prelievo del Dna dovrebbe slittare, a questo punto, dopo la pausa delle feste di fine anno. Il profilo genetico dei sei indagati dovrà essere poi comparato comparato con quello trovato comparato con quello trovato sugli indumenti di Serena, ma anche sullo scotch e il fil di ferro usato per legare il corpo.

  • 12 aprile 2012

    Una impronta papillare sul nastro isolante utilizzato per bloccare le mani e i piedi di Serena Mollicone e tracce di sudore e sangue sul pantalone e sul maglioncino indossato dalla ragazza. Sono i nuovi elementi emersi nel corso dell'incidente probatorio svolto davanti al giudice per le udienze preliminari del Tribunale di Cassino. Il professor Novelli, perito incaricato dalla Procura ha prodotto quanto trovato in sei  mesi di accertamenti sui reperti. Importantissimo l'elemento rinvenuto sullo scotch che avvolgeva le mani ed i piedi della ragazza. Il perito ha parlato di una "chiara firma involontaria dell'assassino". Anche la traccia di sudore rilevata sul pantalone della vittima potrebbe appartenere a chi l'ha uccisa o a eventuali complici. Mentre la traccia ematica sul maglioncino è di Serena Mollicone, che quindi perse sangue. Al termine dell'udienza il gip ha ritrasmesso tutti gli atti alla Procura che dovrà effettuare gli esami del Dna su 5 dei 6 indagati. Esito negativo del test del Dna per l'appuntato dei carabinieri Francesco Suprano, che si era sottoposto volontariamente al prelievo di un campione genetico.

  • 19 luglio 2012

    Si sono conclusi ieri sera dopo circa quattro ore i prelievi per il test del Dna su tutti e sei gli indagati per l'omicidio di Serena Mollicone ad Arce. Tre carabinieri del Racis di Roma hanno acquisito anche le impronte digitali e papillari nella sala investigazioni del comando provinciale dei carabinieri. Il profilo genetico e le impronte digitali saranno comparati con le tracce rinvenute sui reperti di Serena Mollicone. Il gip di Cassino, Angelo Valerio Lanna, ha prorogato le indagini fino al 20 settembre, mentre la perizia sul test del Dna dovrà arrivare entro il 14 dello stesso mese.

  • 30 agosto 2012

    "Aspettiamo la consegna dei risultati, fino a quel momento io resterò nelle mie convinzioni: mia figlia è stata uccisa perché voleva aiutare i giovani del paese ad uscire da un giro di droga". Con questa dichiarazione Guglielmo Mollicone, padre di Serena, ha commentato le indiscrezioni rilanciate dalle agenzie di stampa dopo una riunione tra i Ris, gli avvocati e periti di parte, secondo le quali sarebbero negativi i risultati dell'esame del Dna e delle impronte digitali rilevate sui sei indagati per l'omicidio di Serena Mollicone. Il gip di Cassino, Valerio Lanna, ha prorogato le indagini fino al 20 settembre, mentre la perizia sull'esame del Dna svolta dai Ris dovrà essere consegnata entro il 14 settembre al procuratore di Cassino, Mario Mercone.

  • 19 ottobre 2012

    I sei indagati per l'omicidio di Serena Mollicone saranno sottoposti ad altri accertamenti dattiliscopici. L'approfondimento tecnico, fissato per il 30 ottobre, è stato deciso in seguito alla richiesta di proproga della procura di Cassino, dopo che l'esame del Dna ha rivelato l'estraneità dei sei alla vicenda. Domani intanto, a Fontana Liri, si terrà una cerimonia per scoprire la targa dedicata a Serena Mollicone nelle vicinanze del luogo del ritrovamento del corpo. Il Comune di Fontana Liri ha deciso che la località Fontecupa d’ora in poi si chiamerà "Fonte Serena".

  • 30 ottobre 2012

    E' stato affidato ai carabinieri del Racis di Roma l'incarico per il secondo accertamento tecnico sull'omicidio di Serena Mollicone. L'udienza si è svolta alla procura di Cassino alla presenza del procuratore Mario Mercone, titolare dell'inchiesta, degli avvocati di parte, dei carabinieri del Racis e del papa' di Serena, Guglielmo Mollicone. I carabinieri del raggruppamento investigazioni scientifiche dovranno ultimare gli accertamenti tecnici iniziati a luglio ed estrarre l'impronta digitale dalla ricevuta della visita ortopanoramica della studentessa di Arce. Per quanto riguarda il profilo genetico, gli investigatori del Racis dovranno invece estrarre il Dna dall'impronta trovata sul nastro utilizzato per legare Serena Mollicone e poi compararlo con quello dei sei indagati e di altre persone presenti nella Banca Dati.

  • 19 novembre 2012

    "Il più bel regalo di compleanno per me e per mia figlia, che ieri avrebbe compiuto trent'anni, sarebbe quello di capire il motivo per cui l'hanno uccisa: anche con un biglietto anonimo, anche con un semplice segnale. Ma solo per trovare pace e capire le cause che hanno portato l'assassino o gli assassini a compiere un simile gesto. E' un tormento quotidiano, un vivere non vivere - ha dichiarato Guglielmo Mollicone nel suo appello -. Ieri è stata una giornata difficile, passata al cimitero, davanti alla tomba di Serena. Mia figlia, come tante altre donne uccise ingiustamente, aveva sogni, aspirazioni e un futuro che l'attendevano. Vedere il suo  sorriso spento, senza un perché, è lacerante".

  • 1 giugno 2013

    A dodici anni dall'assassinio, Serena Mollicone è stata ricordata nel pomeriggio con un convegno nell’aula magna della scuola media di Arce, intitolato “La violenza sulle donne, il femminicidio e Serena”. Alle 21 una fiaccolata per commemorarla insieme alle donne uccise nel 2012, con arrivo alla località dove fu ritrovata, “Fonte Serena”, alla quale è stato dato il suo nome.

  • 8 gennaio 2014

    [Video - Nella puntata dell'8 gennaio 2014]

  • 9 settembre 2015

    Paolo Auriemma, procuratore capo facente funzione della procura di Cassino, ha chiesto al gip l'archiviazione anche contro ignoti per l'omicidio di Serena Mollicone ad Arce nel 2001. La richiesta segue a quella analoga nei confronti dei cinque indagati avanzata dal precedente procuratore Mario Mercone, ora in pensione. "Abbiamo tempo fino al 16 per presentare opposizione - ha detto a "Chi l'ha visto?" il padre di Serena - e lo faremo con tutti i documenti che abbiamo a disposizione". "Mi sembra comunque strano che un sostituto che deve andar via dalla procura fra pochi giorni abbia preso in mano un caso risalente al 2001. Ci sono tante cose da fare alla procura di Cassino...", ha aggiunto Guglielmo Mollicone.

  • 8 gennaio 2016

    “Ho visto nel gip Lanna molta disponibilità ad ascoltare quanto il nostro avvocato dichiarava e mi auguro che nei prossimi giorni prenda in esame tutti gli elementi che gli sono stati esposti con tanta accuratezza e che dimostrano che vi sono ancora molti elementi da approfondire per la ricerca della verità su Serena”. Così Guglielmo Mollicone ha commentato in comunicato la decisone del gip del Tribunale di Cassino, Angelo Valerio Lanna, che si è riservato di decidere sull’archiviazione dell’inchiesta sull’omicidio della figlia. La Procura di Cassino aveva richiesto l’archiviazione delle indagini, prima nei confronti degli indagati noti e poi anche di quelle contro ignoti. Assistiti dall’avvocato Dario De Santis, il padre e lo zio di Serena Mollicone si sono opposti a entrambe le richieste di archiviazione, precisando che per gli indagati noti l’istanza riguarda tre di essi. Nel pomeriggio di ieri l’avvocato De Santis ha sottolineato davanti al giudice la richiesta di sottoporre all’esame del DNA la popolazione maschile di Arce e zone limitrofe. Questo per effettuare la comparazione con i due profili ricavati dalle tracce sul nastro adesivo che avvolgeva il corpo della ragazza. Un esame, ha rilevato De Santis, già eseguito su circa 18.000 persone per individuare l’attuale indagato per l’omicidio di Yara Gambirasio. Nel caso di Serena Mollicone il campione da analizzare sarebbe probabilmente inferiore a 2.000 persone. Opportuni, per la famiglia Mollicone, anche accertamenti sul filo metallico e sul nastro adesivo trovati sul corpo, per tentare di risalire alla provenienza e a chi ne avesse la disponibilità. “E’ importante, in un delitto così grave, non lasciare nulla di intentato affinché i colpevoli siano individuati e puniti”, ha dichiarato dopo l’udienza l’avvocato De Santis, che ha aggiunto: “Sarebbe estremamente ingiusto e spiacevole se si negasse la possibilità delle ulteriori indagini, e, un domani, dovesse emergere che quelle indagini potevano portare alla soluzione del caso”.

  • 14 gennaio 2016

    Il giudice per le indagini preliminari di Cassino, Angelo Valerio Lanna, ha deciso di non archiviare l’indagine sull’omicidio di Serena Mollicone, prorogata di sei mesi accogliendo l'opposizione della famiglia alla richiesta della Procura. “Sono felice per questa buona notizia. Vorrei festeggiare questo momento, anche se non nascondo che, dentro di me, provo tanta tristezza in quanto, comunque, nessuno mi riporterà in vita Serena”, è stato il primo commento di Guglielmo Mollicone. Il padre di Serena, insieme al fratello Antonio, ha anche ringraziato il giudice “e più in generale la Giustizia Italiana, che con coraggio ha portato avanti la nostra battaglia. Non era certo una decisione facile da prendere”. Queste le conseguenze del provvedimento, secondo l’avvocato Dario De Santis, legale della famiglia Mollicone: “Le indagini relative alla morte di Serena devono proseguire nei confronti dei tre indagati noti ai quali si riferiva una delle opposizioni proposte dal padre e dallo zio di Serena, e possono proseguire anche nei confronti degli ignoti. Ha disposto invece l’archiviazione nei confronti degli altri indagati noti, relativamente ai quali la famiglia Mollicone non aveva proposto opposizione”. “Viene ristabilita – ha aggiunto De Santis - quella che dovrebbe essere la situazione fisiologica, nella quale la famiglia della vittima e la Procura della Repubblica devono operare nella stessa direzione”. Per il legale la decisione rende “possibili e opportune” anche “le indicazioni, che abbiamo già fornito negli atti di opposizione”, come la richiesta di effettuare test del Dna sulla la popolazione maschile di Arce.

  • 21 marzo 2016

    Sarà la dottoressa Cristina Cattaneo a studiare la ferita al capo di Serena Mollicone per determinare se sia compatibile con i segni rilevati recentemente dal RIS su una porta di uno degli ambienti della caserma dei carabinieri di Arce. Il corpo della ragazza uccisa nel 2001 sarà riesumato tra pochi giorni per essere inviato a Milano. “Come papà a malincuore ho autorizzato questo esame – dice a “Chi l’ha visto?” Guglielmo Mollicone - perché non volevo che Serena venisse toccata. Ho dovuto acconsentire perché so che al punto in cui sono le indagini basta un piccolo residuo per far chiudere il cerchio e assicurare alla giustizia i suoi aguzzini”. Il 14 gennaio il gip di Cassino Angelo Valerio Lanna ha deciso che l’inchiesta prosegue nei confronti di tre indagati per omicidio volontario con l’aggravante della crudeltà, oltre che contro ignoti . “Bisogna trovare anche coloro che hanno coperto e aiutato chi materialmente ha ucciso mia figlia”, ribadisce Guglielmo Mollicone.

  • 7 dicembre 2017

    C'è un quarto indagato per l'omicidio Serena Mollicone. Si tratta di un carabiniere che era in servizio nella caserma di Arce nel 2001, quando la studentessa venne uccisa e il suo corpo fu trovato nel bosco dell'Anitrella. Con l'ipotesi di reato di concorso in omicidio, il militare è stato sentito oggi in procura a Cassino, dove si è avvalso della facoltà di non rispondere. "Il cerchio si sta chiudendo. Quest'ultima notizia è la prova che le indagini vanno verso la verità che ho sempre sostenuto: tutto è successo in quella caserma, tutta la vicenda di mia figlia ruota attorno a quel luogo", ha dichiarato a "Chi l'ha visto?" il padre di Serena Mollicone, Guglielmo. Gli altri tre indagati sono il maresciallo Franco Mottola, che comandava la Caserma di Arce nel 2001, il figlio Marco e la moglie.

  • 8 dicembre 2017

    Il luogotenente indagato per concorso in omicidio nell'ambito dell'inchiesta per la morte di Serena Mollicone dovrà rispondere anche di un altro capo d'accusa che gli viene contestato dalla Procura di Cassino: il militare è indagato anche per l'istigazione al suicidio del carabiniere Santino Tuzi, trovato cadavere l'11 aprile del 2008 alla vigilia di una sua audizione in Procura per riferire della presenza o meno di Serena Mollicone il primo giugno del 2001 nella caserma di Arce. A "Chi l'ha visto?" l'avvocato del luogotenente, Francesco Candido ha dichiarato in merito: "Per il mio cliente è stato un fulmine a ciel sereno. E' avvilito ed incredulo. Non si capacita di come da persona che ha partecipato attivamente alle indagini si sia visto recapitare un avviso di garanzia come indagato. Essere indagato poi per l'istigazione al suicidio di Tuzi gli risulta incomprensibile. Sarà contestato tutto quanto gli si addebita".

  • 13 dicembre 2017

    C'è una quinta persona indagata per l'omicidio di Serena Mollicone. E' un carabiniere accusato di favoreggiamento. E' il terzo militare coinvolto nell'inchiesta per la morte della studentessa di Arce (Frosinone) avvenuta 16 anni fa. Il militare, attualmente in servizio in un'altra provincia laziale, era già stato oggetto di accertamenti all'inizio dell'inchiesta. Gli altri quattro indagati per omicidio volontario in concorso e occultamento di cadavere sono l'allora comandante della stazione dei carabinieri di Arce, Franco Mottola, la moglie Anna, il figlio Marco e un altro carabiniere.