CLV

Torna in HomeCorpi senza nome
Scomparso

Cadavere trovato in una valigia nel Vercellese, chi era?

Data pubblicazione:10/11/2017

Sabato 4 novembre nel tardo pomeriggio alcuni cacciatori lombardi, impegnati in una battuta di caccia ad Alice Castello (Vercelli) in località Sorti, hanno trovato una valigia chiusa: allarmati dal forte odore l’hanno aperta e al suo interno hanno trovato un cadavere in avanzato stato di decomposizione. Il corpo era rannicchiato in posizione fetale. Dentro la valigia sono stati recuperati anche alcuni brandelli di tessuto, probabilmente parte dei vestiti che indossava la persona deceduta. Mancano le scarpe. La valigia, di colore blu scuro, in tessuto impermeabile (non rigido), priva di marchi o loghi, è di dimensioni medie (circa 60 cm x 90 cm) con una maniglia. Non è un trolley. Le dimensioni della valigia fanno pensare che la persona deceduta non fosse di grande statura o di corporatura robusta. Non è ancora stato possibile stabilire se si tratti di un uomo o di una donna. Il sindaco di Alice Castello ha detto a "Chi l'ha visto?" che nel territorio di sua competenza non risultano denunce di persone scomparse. Inoltre la valigia è stata trovata in zona Sorti, vicino alla discarica di Alice Castello, in una stradina di facile accesso dal casello autostradale di Santhià (Vercelli). Sui resti, da una prima sommaria analisi, non sarebbe evidente alcun segno di accoltellamento o sparo ma sarà l’autopsia, che dovrà essere assegnata nei prossimi giorni dal procuratore di Vercelli, a chiarire cosa sia successo al corpo della vittima. Di chi potrebbe trattarsi?

  • 6 dicembre 2017

    I primi risultati degli esami eseguiti dalla dottoressa Cristina Cattaneo sul corpo hanno permesso di stabilire che si tratta di una donna. Lo hanno reso noto i Carabinieri di Vercelli con una nota stampa. L'età presunta sarebbe compresa 50 e 60 anni e la morte sarebbe avvenuta molto prima dei sei - otto mesi dal ritrovamento ipotizzati inizialmente. La valigia, insieme ai brandelli di tessuti trovati all'interno, è stata affidata al RIS dei Carabinieri di Parma per essere analizzata.