CLV

Torna in HomeMisteri
Scomparso

Maria Rosa Nicolicchia

Data pubblicazione:03/12/1996

Maria Rosa Nicolicchia è scomparsa il 2 maggio del 1990, da Castelvetrano (Trapani). L'8 marzo dello stesso anno aveva lasciato la sua famiglia per andare a convivere con un uomo proprio nel palazzo di fronte al suo. Le sue figlie l'hanno cercata per anni inutilmente e sperano che qualcuno possa aiutarle.

  • 6 dicembre 2010

    Appartengono a Maria Rosa Nicolicchia i resti ossei ritrovati lo scorso 9 gennaio dai carabinieri dentro al bagagliaio di una Fiat 127 data alle fiamme e completamente ricoperta di rovi, in un terreno in contrada Latomie-Ognibene, a Castelvetrano. All'identità della donna i carabinieri del Ris di Messina sono risaliti attraverso l'esame del Dna. I resti sono stati trovati dopo una segnalazione anonima. Sull'auto era crollato anche il soffitto di un'ala di un vecchio baglio. Per rimuovere la vegetazione e le macerie a gennaio erano dovuti intervenire i vigili del fuoco e personale comunale. Gli esami di laboratorio non hanno potuto svelare la causa della morte della donna in quanto i resti ossei erano pochi e in pessime condizioni.

  • 25 maggio 2011

    Maria Rosa Nicolicchia è scomparsa quando aveva 34 anni ed era madre di 5 figli. Quest'ultimi, non avendo mai creduto a una della fuga volontaria, si erano rivolti a "Chi l’ha visto?" nel 1996 e nel 1998. Dopo il ritrovamento delle ossa della donna, chiedono che sia fatta chiarezza sulla morte. Apparentemente la vita di Maria Rosa Nicolicchia era tranquilla, ma in casa la situazione era tesa a causa della gelosia del marito. Lei era giovane e molto bella e sembra che il marito, molto spesso, non riuscisse a controllare la sua gelosia. L’8 marzo 1990 la donna si era trasferita dall'altra parte della strada, per iniziare una convivenza con un altro uomo, continuando a mantenere uno stretto legame con i figli. Nessuno in paese ricorda con certezza che tipo di rapporto ci fosse fra lei e il marito, ma correva voce che quando scomparve fosse incinta. Sembra inoltre che proprio prima di scomparire avesse manifestato l’intenzione di tornare a casa dal marito. Con lei quel giorno sparì anche la sua auto e questo fece pensare a un allontanamento volontatio. Ma a dicembre del 2010, grazie ad una telefonata anonima, i suoi resti sono stati ritrovati proprio all'interno della sua auto, in un terreno in contrada Latomie-Ognibene, a Castelvetrano. Quello che i figli si chiedono è come sia stato possibile che nessuno in 20 anni abbia visto quell’auto nascosta sotto i rovi in un terreno abitualmente frequentato.