CLV

Torna in HomeDove Sei ?
Scomparso

Un grido di gioia dall'Eritrea

Edizione:2001/2002
Data pubblicazione:25/03/2002

Abeba, l'anziana mamma di Donatella, vive a Keren, nel mezzo dell'altipiano eritreo. Da ventisette anni questa donna non vede sua figlia, ma non ha mai perso la speranza di poterla riabbracciare. Negli anni Sessanta Abeba lavora presso la casa di Alarico Maraviglia, un uomo di origini italiane, nato in Etiopia, caporeparto presso una fabbrica che produce bottoni. Rimasto vedovo, Alarico sposa Abeba e da lei ha una figlia: Donatella. Nel 1975, durante la guerra di liberazione contro l'Etiopia, Alarico si ammala, e la fabbrica fallisce. Decide quindi di andare in Italia portando con sé la bambina di dieci anni. Un anno dopo, attraverso una lettera spedita dalle suore di Sant'Anna, Abeba viene a sapere che suo marito è morto. La bambina rimane a Catania. Donatella scrive alla mamma diverse lettere; nell'ultima - che risale al 1988 - la ragazza racconta di essersi fidanzata con un americano, con cui ha intenzione di sposarsi. Sta cercando di ottenere il visto per tornare in Eritrea a trovare i suoi cari, e nel frattempo cambierà indirizzo. Da allora di Donatella non si sa più nulla. All'ambasciata italiana di Asmara "Chi l'ha visto?" riesce a trovare un documento: nel registro degli italiani rimpatriati c'è una richiesta proveniente dalla pretura unificata di Catania di un certificato di nascita di Donatella per regolarizzare una pratica di tutela, datata 11 novembre 1977. Abeba non capisce perché proprio nel momento in cui sembrava finalmente felice sua figlia non ha più dato notizie di sé. Ha paura che le sia successo qualcosa di brutto, ed è ossessionata da questo pensiero. Anche Ugvit - la sorella di Donatella da parte di madre - non riesce a darsi pace. Ha partecipato alla guerriglia per dodici lunghi anni; quando è ritornata nel 1991 ha trovato la sua casa distrutta. E la sua famiglia non c'era più. Sua cugina Miki, che da vent'anni si è trasferita in Italia, si è rivolta a "Chi l'ha visto?" per cercare di ritrovare Donatella.

  • 2 aprile 2002

    "Ho provato tante volte a ritrovare mia madre, anche attraverso l'ambasciata italiana ad Addis Abeba, ma tutte le mie lettere sono tornate indietro". A parlare così è Donatella Maraviglia: "Chi l'ha visto?" è riuscito a rintracciarla ad Ibiza. La donna si trova da molti anni nell'isola spagnola: qui nel 1992 si è sposata con un apolide originario del Sahara, Braim Bachir Bachir. E' impiegata da tempo in un negozio di telefonia, un lavoro che le piace molto. Donatella - si è scoperto - è stata ospite fino all'età di quattordici anni presso un istituto di Acireale, ed ha sempre rifiutato qualsiasi tentativo di adozione. Uscita dal collegio è tornata a Catania, nel quartiere dove aveva vissuto con suo padre, poi a diciotto anni se n'è andata senza dir niente a nessuno. E' stata per un periodo negli Stati Uniti, per poi trasferirsi ad Ibiza all'età di ventisei anni. Donatella, dopo aver visto in video la madre e la sorella, ha voluto telefonare subito in Eritrea: dal profondo dell'Africa le hanno risposto le due donne con un irrefrenabile grido di gioia. Presto Donatella le raggiungerà, per poterle finalmente riabbracciare, dopo ventisette lunghissimi anni di lontananza.